Mar. 06 Dic. 2022
HomeAttualitàCinisello Balsamo, sopralluogo del Sindaco sul cantiere dell'A4. A breve sarà terminato...

Cinisello Balsamo, sopralluogo del Sindaco sul cantiere dell’A4. A breve sarà terminato il tunnel

[textmarker color=”E63631″] BRESSO – [/textmarker] Questa mattina il sindaco Giacomo di Ghilardi, accompagnato dal vicesindaco con delega alla mobilità Giuseppe Berlino e dai tecnici comunali, ha fatto visita al cantiere dell’autostrada A4 (la Milano-Venezia) per fare il punto dei lavori con i responsabili della Società Autostrade.

Quasi ultimata la posa delle sezioni di pannelli fonoassorbenti che andranno a costituire la galleria lunga 435 metri e alta 6 metri, alla quale sono state aggiunte barriere antirumore lungo tutto il tratto cinisellese (11mila metri quadrati sulla carreggiata Est, verso Venezia e 16mila metri quadri di panelli fonoassorbenti sulla carreggiata Ovest, verso Milano).

Manca solo un ultimo concio della copertura, a cui seguiranno le finiture, i pannelli solari, le pavimentazioni, la recinzione e gli arredi. L’ultimo modulo sarà varato per fine ottobre.

Il tunnel è ora già in grado di “riparare” gli abitanti del quartiere Crocetta dal traffico e dai rumori.

“Dopo quasi 50 anni, il popoloso quartiere di Cinisello Balsamo è finalmente stato liberato dal traffico prodotto da questa autostrada che è una delle arterie viabilistiche più trafficate d’Europa. Una galleria che per il quartiere Crocetta è davvero speciale, perché non ha soltanto una funzione fonoassorbente, ma diventerà anche un luogo di attraversamento e una piazza di incontro per i cittadini. A questa importante infrastruttura si aggiungerà anche il sottopasso lungo il viale Fulvio Testi, il finanziamento di 1 milione di euro stanziato dal Senato per la realizzazione del progetto di fattibilità tecnico-economica è notizia di questi giorni” ha dichiarato Giacomo Ghilardi.

Il tratto centrale della galleria, di circa 50 metri, è stato realizzato in travi e pannelli di metallo con l’obiettivo di essere transitabile e di collegare due aree della città ora divise, all’altezza di via Matteotti con via Friuli, realizzando così un’ampia piazza sopraelevata.

ARTICOLI CORRELATI