Dom. 26 Mag. 2024
HomeCronacaAddio a Marcello Osler, icona del ciclismo trentino

Addio a Marcello Osler, icona del ciclismo trentino

La morte dell'asso di Pergine Valsugana. Corse in maglia Sammontana, Brooklyn e Sanson. Vinse una straordinaria tappa nel Giro del 1975. Le ultime due stagioni fece il gregario a Moser

Marcello Osler ci ha lasciato  questa mattina, venerdì 21 luglio, e per sempre. Osler è stato un corridore di valore e un uomo dalla vita travagliatissima. E come non volergli bene! Il 18 agosto avrebbe compiuto 78 anni. Grande ciclista trentino di Pergine Valsugana diventò professionista nel 1973 con la Sammontana. In maglia Brooklyn vinse la Potenza-Sorrento, ottava tappa del Giro d’Italia. Nel 1978, dopo una serie di ottime prestazioni alla Parigi-Roubaix vinta da Francesco Moser, diventò il suo fedele scudiero nella Sanson Luxor. Appesa la bici al chiodo, Osler divenne titolare di un negozio e di un marchio di bici, vendita assistenza riparazione.

Un malore improvviso dopo un’uscita in bici con il figlio

Nel 2013, dopo aver trascorso 53 giorni in coma in seguito a un arresto cardiaco, si era risvegliato facendo quasi gridare al miracolo i medici e aveva ripreso a camminare e a vivere quasi normalmente. Da allora fu costretto a muoversi sulla sedia a rotelle, ma non hai dimenticato la curiosità per la vita e continuava a seguire il ciclismo in Tv. Le ultime fasi di vita di Osler sono state come una tappa di montagna durissima, prima una setticemia, poi un tumore al pancreas. Ma Osler non ha mai mollato, come un corridore che non poteva farsi staccare dal gruppo. Marco Pastonesi ricorda che Osler è il facile anagramma di Soler, il capitano di Pogacar candidato al salire sul secondo gradino del podio al Tour che finisce domenica. E la vita, in fondo è una ruota.

La cerimonia funebre si svolgerà nella Chiesa Parrocchiale di Canezza lunedì 24 luglio alle 14:30, mentre la camera ardente è allestita nel cimitero di Pergine. Lascia l’amatissima moglie Elena, i figli Erica, Nadia, Mara e Riccardo con le rispettive famiglie, i nipoti e tutti i parenti.

Angelo De Lorenzi

ARTICOLI CORRELATI