Mar. 23 Apr. 2024
HomeBreaking NewsGli splendidi ottant’anni di Gianni Motta

Gli splendidi ottant’anni di Gianni Motta

Oggi è il compleanno di un corridore-icona degli anni ‘70, che ha vinto tanto, ma è anche stato perseguitato dalla sfortuna

E oggi fanno 80, ma praticamente è ancora un ragazzino. Il biondino di Groppello di Cassano d’Adda (Milano), al secolo Gianni Motta, è eternamente abbronzato anche nel giorno del suo compleanno. Ha iniziato a festeggiare in anticipo: torte, sorrisi, balletti diffusi via social, da famigliari e aficionados. Bella storia, quella del Motta. Nasce contadino di cascina; bestie e fieno, ma ha la bici nel cuore.

Gianni Motta in azione durante l’ultima frazione del Giro 1974 (foto Franco Brambillasca)

Gianni Motta: bello, ma incompiuto?

La vittoria a Milano (foto Franco Brambillasca)

A 14 anni va a lavorare alla Motta a Milano (era destino), la fabbrica dolciaria in viale Corsica a Milano. Per recarsi sul posto di lavoro compra una bici da donna, un’Atala. Nei fine settimana Gianni suona la fisarmonica ai matrimoni, per diletto e per guadagnarci qualcosa. Il vero divertimento, però, è la bici, il ciclismo. Inizia e correre e ci si accorge presto di avere di fronte un fenomeno. Compra a rate una bici usata da Ernesto Colnago, corre con la Faema fra i dilettanti. E vince: 64 vittorie, diventa professionista a 21 anni ancora da compiere. Nel 1964 vince una tappa al Giro, altre gare importanti, e soprattutto il Giro di Lombardia, in solitaria. Nel 1965 si afferma in una Sei Giorni in coppia con il belga Van Steenbergen: poteva essere l’anno della consacrazione di un giovane campione, ma un incidente d’auto al Giro di Romandia gli impedisce di puntare a vincere il Giro d’Italia. La vittoria nella competizione nazionale arriva l’anno successivo. Il favorito era Adorni, ma va in crisi nella tappa della Maddalena. Motta prende la rosa e respinge gli attacchi di un forte scalatore, Jimenez.

I guai all’arteria iliaca femorale

Poi arriveranno altre vittorie, ma anche altri guai, soprattutto un’arteria iliaca femorale che non funzionava come avrebbe dovuto. La carriera è compromessa. Motta ha vinto tanto, ma poteva vincere di più e confrontarsi ad armi pari con i suoi grandi avversari, che rispondevano al nome di Eddy Merckx e Felice Gimondi, per citarne solo due. Fra i record di Gianni Motta le vittorie alla Tre Valli Varesine, tre edizioni di seguito (dal 1965 al 1967) e quella del 1970.

Dopo il ciclismo il corridore lombardo ha intrapreso molte attività: un maglificio, un mobilificio, è diventato costruttore di biciclette. Anche testimonial della Mediolanum a seguito del Giro d’Italia.

Un giorno disse di non aver mai lavorato. Con un’abbronzatura così il giornalista abboccò subito. Poi il Gianni smentì su tutta la linea.

Se vuoi condividere informazioni e esperienze nel mondo della bicicletta, scrivi a inpuntadisellino@gmail.com

Angelo De Lorenzi

ARTICOLI CORRELATI