Dom. 24 Ott. 2021
HomeAttualitàSesto San Giovanni, il ricordo di Fiorenza Bassoli nelle parole di Oldrini:...

Sesto San Giovanni, il ricordo di Fiorenza Bassoli nelle parole di Oldrini: “La più intelligente della nostra generazione”

[textmarker color=”E63631″] SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] “Il primo ricordo che ho di lei è di quando avevamo meno di 20 anni e andavamo a vendere l’Unità la domenica mattina. L’ho negli occhi giovanissima, che scende le scale di un palazzo saltellando e con i suoi lunghi capelli neri svolazzanti”. È un ricordo commosso quello di Giorgio Oldrini, anch’egli ex sindaco di Sesto San Giovanni, di Fiorenza Bassoli, scomparsa a 71 anni ieri pomeriggio all’Istituto dei Tumori di Milano dopo aver lottato per diversi anni contro la malattia con la tenacia che da sempre la contraddistingueva. Un’amicizia nata in gioventù, quando entrambi erano ancora dei ragazzi: “Insieme abbiamo fatto, con impegno e passione, politica, abbiamo collaborato nelle organizzazioni sociali e nelle istituzioni – prosegue l’ex sindaco – Io le dicevo spesso che era la più intelligente della nostra generazione e lei mi sorrideva con modestia”.

Prima donna sindaco di Sesto San Giovanni, nel 1984, dopo una lunga militanza che l’aveva portata prima a sedere nel Consiglio comunale negli anni ’70, tra le più giovani nella storia della città, poi a ricoprire il ruolo di assessore all’Istruzione e di Consigliere provinciale e capogruppo Pci: “Una volta eletta sindaco pretese che io fossi uno dei suoi assessori – ricorda Oldrini – Era giovane ma sembrava ancor più giovane, e quando andò in Prefettura a giurare, accompagnata dal segretario comunale, tutti pensavano che lui fosse il sindaco”. Donna determinata e soprattutto preparata: “Di Fiorenza mi colpiva la passione unita alla ferrea volontà di studiare i problemi. Arrivava alle riunioni con quei suoi foglietti scritti a mano in modo obliquo e disordinato, ma che lei traduceva in interventi coerenti e forti”. Durante il suo mandato dovette affrontare la grande crisi delle fabbriche, compiendo scelte determinanti per far fronte ai problemi occupazionali insorti come conseguenza della crisi, ma nello stesso tempo guardando al futuro della città. Una carriera politica tutta in ascesa, dopo il mandato di sindaco è stata eletta per due volte Consigliere regionale fino ad arrivare a ricoprire il ruolo di vice presidente del Consiglio di Regione Lombardia, dedicandosi in particolare ai temi della sanità, per poi approdare al Senato della Repubblica: “Faceva con la stessa naturalezza la cameriera alle Feste dell’Unità e la Senatrice”, ricorda ancora Oldrini.

Nonostante gli incarichi da senatrice, Fiorenza Bassoli ha sempre mantenuto un rapporto molto stringente con Sesto San Giovanni, lavorando per portare sulle aree ex Falck la Città della Salute e della Ricerca, di cui è stata strenua sostenitrice fino all’ultimo. Sotto il mandato dell’allora sindaco Monica Chittò divenne consulente volontaria per il progetto e a lei si deve la creazione del Comitato scientifico.

Cordoglio dalle forze politiche cittadine: “Ci dividevano le nostre idee politiche ma avevamo in comune l’amore per Sesto San Giovanni – scrive il sindaco Roberto Di Stefano – A nome di tutta l’amministrazione comunale esprimo quindi le mie più sentite e sincere condoglianze alla sua famiglia e a tutti i suoi cari”.

Gratitudine e affetto nel lungo post del Partito Democratico cittadino, che ha ripercorso tutte le tappe della carriera politica di Fiorenza Bassoli, raccogliendone il testimone: “Le tue battaglie, le tue parole e le tue idee saranno portate avanti da tutti noi”, chiude la nota. “Rimarrà in me un vuoto incolmabile”, è il commento dell’ex sindaco Monica Chittò.

“Con lei scompare un pezzo importante della storia della città – scrive Paolo Vino, segretario dei Giovani Sestesi – Fiorenza è stata un ottimo sindaco, coraggiosa e sempre in prima linea nel difendere gli interessi della sua comunità. Tanti i confronti, spesso duri, ma seri e di grande rispetto, fortemente e fermamente uniti nei valori che rappresentano la nostra città”. Messaggi di cordoglio anche dal partito di Forza Italia e dal Movimento 5 Stelle.

ARTICOLI CORRELATI