ZOO CLUB
ZOO CLUB
sharebot_monza
sharebot_monza
NMA feb2018 GUASTALLA
GUASTALLA
Cinifabrique

Nordmilano24

News

Sesto San Giovanni, la scomparsa di Filippo Penati: “Politico capace, uomo intelligente e di grande umanità”

Sesto San Giovanni, la scomparsa di Filippo Penati: “Politico capace, uomo intelligente e di grande umanità”
ottobre 09
15:47 2019

SESTO SAN GIOVANNI La scomparsa di Filippo Penati, ex Presidente della Provincia, sestese, dirigente del Pci-Pds-Ds e poi del Partito democratico, non poteva lasciare indifferenti i protagonisti della vita politica nazionale e locale. Penati è stato presidente della Provincia di Milano dal 2004 al 2009 e, prima, sindaco di Sesto San Giovanni dal 1994 a 2001. Colpiscono le dichiarazioni di alcuni personaggi che lo hanno conosciuto personalmente.

Daniela Gasparini, ex sindaco di Cinisello Balsamo e Assessore in Provincia: “Uomo capace e di grande umanità”

“Eravamo sindaci nello stesso periodo – ci racconta Daniela Gasparini –  e insieme abbiamo dato vita all’Agenzia Sviluppo Nord Milano” che era il simbolo della modalità di fare innovazione nell’Amministrazione, una cooperazione tra comuni per capire come un’area che è andata in crisi per via della chiusura delle grandi fabbriche poteva rinascere. Poi sono stata suo Assessore e devo dire che ho avuto la possibilità di lavorare vicino a lui e conoscere questo uomo molto politico ma allo stesso tempo una persona molto umana. Ricordo la rabbia e l’angoscia che aveva quando arrivavano notizie in giunta di problemi che riguardavano bambini o anziani, c’era questa umanità che a volte in un politico non si riconosce o non si vuole riconoscere. Lui era sicuramente un uomo capace, un uomo che sapeva fare politica, anche qualche volta con durezza, ma aveva questa umanità straordinaria”.
“Questa sua storia è dolorosa – prosegue la Gasperini –, perché 15 anni di ingiustizia che l’ha colpito – e credo che sia anche una parte del motivo della sua malattia – passati a doversi difendere credo siano veramente troppi”.

“L’ho sentito il giorno che è gli è stata notificata la sentenza della Corte dei Conti che ribaltava il giudizio di primo grado – aggiunge l’ex sindaco di Cinisello Balsamo – , era seduto allo IEO e gli stavano dando notizia del ripresentarsi del tumore. Quindi è stato un brutto percorso, è morto così, con il dolore di non aver visto concludere una situazione che lo aveva penalizzato in questi ultimi 15 anni. Io credo che Penati avesse tutte le caratteristiche per diventare un ministro della Repubblica Italiana ed essere persona che avrebbe potuto continuare ad avere un ruolo di alto livello nell’Amministrazione politica”.

Antonio Oliviero, assessore al Turismo alla Provincia di Milano dal 2007 al 2009: “Inventammo il Sistema Moda”

Un’immagine del nostro archivio.

“Un uomo intelligente”, taglia corto nel giudizio Antonio Oliviero, assessore al Turismo e alla Moda in Provincia di Milano dal 2007 al 2009. “Un uomo incredibile, determinato e tenace che sapeva spendersi nell’azione politica. Dava tutto ciò che aveva quando capiva che la battaglia era quella giusta da fare”. “Purtroppo la vicenda giudiziaria lo ha profondamente colpito, tanto che la sua vicenda personale  ha avuto ripercussioni sulla sua salute”.

“Penati è sempre stato un combattente, ma purtroppo con l’ultima battaglia che ha dovuto intraprendere, non ce l’ha fatta”.

Sull’esperienza in Provincia: “Durante il mio mandato in Provincia proposi a Filippo di estendere le competenze del Turismo anche a quelle della Moda perché avevo intuito le enormi potenzialità del settore. Già allora c’erano migliaia di studenti provenienti dall’estero che arrivavano a Milano per frequentare le nostre scuole di moda, le migliori al mondo. Occorreva fare sistema, accogliere questi giovani, valorizzare le loro risorse. Filippo ascoltò le mie idee e appoggiò in toto il progetto”.

“Io credo – aggiunge Oliviero – che quando si viene ingiustamente accusato, si accusi un forte dolore e il fisico ne risente. Io credo che Filippo abbia dovuto sopportare questo”.

Roberto Di Stefano, il sindaco di Sesto San Giovanni: “Al netto delle differenze, si è dimostrato un politico capace”

Roberto Di Stefano, il sindaco di Sesto San Giovanni, non ha fatto mancare di esprimere il cordoglio e il suo ricordo personale: “Apprendo con grande dispiacere la notizia della morte di Filippo Penati, per due mandati sindaco di Sesto San Giovanni. Ho avuto il piacere di conoscere Filippo per il suo impegno politico sul territorio e per la sua passione sportiva per il Geas Basket.

L’ultima volta che ci siamo visti, in occasione della presentazione ufficiale della squadra di cui era presidente, abbiamo parlato della nostra città scambiandoci idee e opinioni col solito rispetto reciproco che ha sempre contraddistinto il nostro rapporto. Al netto delle posizioni politiche diverse, Penati durante la sua vita si è dimostrato un politico capace, con passione e legato al territorio. Ha affrontato la malattia con forza e dignità anche nei momenti più difficili. A nome dell’amministrazione comunale di Sesto San Giovanni esprimo tutta la vicinanza e il più sincero cordoglio alla famiglia Penati”.

Mirabelli (PD): “Da lui è partita la nuova stagione del centrosinistra del governo a Milano”

Le parole del senatore milanese Franco Mirabelli, Vicepresidente del Gruppo PD al Senato: “Filippo ci ha lasciato. Era tanto che non ci vedevamo e nell’ultima sua stagione politica avevamo tanto discusso e litigato. Ma tra noi non sono mai venuti meno stima e rispetto. Un uomo intelligente, dalle grandi qualità umane, capace di pensare alla politica in modo sempre innovativo. Ci mancheranno come ci sono mancate in questi anni le sue provocazioni, il suo essere sempre sorprendente. Personalmente gli devo tanto: la fiducia che ci ha consentito di lavorare insieme in una bella stagione del PD e il rispetto con cui ha accettato le scelte diverse dalle sue che ho fatto. La sua capacità di governare Sesto nel momento delle grandi trasformazioni e la sua vittoria in Provincia da cui è partita la nuova stagione del centrosinistra di governo a Milano e la capacità di aprire il partito resteranno non solo nella nostra memoria ma nella storia della nostra realtà. Ci mancherà!”.

Il PD di Sesto “Lo abbiamo sempre visto lavorare per il suo partito e la sua città”.

Attestati di stima e amicizia anche dal Pd di Sesto: “Fin da giovanissimo impegnato nel grande rinnovamento del PCI negli anni 70, Assessore e Sindaco della nostra Città negli anni dal 1985 al 2002 in cui la Città era impegnata nel gestire le dismissioni industriali massicce e dare un futuro alla Città e ai lavoratori. Poi Presidente della Provincia di Milano, Consigliere Regionale, Filippo Penati lo abbiamo sempre conosciuto e visto al lavoro per il suo partito e la sua città; solo in ordine di tempo ma non ultimo l’impegno senza risparmio per il Geas Basket. Ci sono stati momenti difficili che hanno segnato la sua vita personale e politica. Il rapporto con il nostro partito non sempre è stato fluido ma chi nella sua vita gli è stato vicino, può testimoniare che come sempre nella sua vita ha combattuto senza risparmio anche questa sua ultima battaglia.

Con il rammarico di una grave e prematura perdita per tutta la Città, il Partito Democratico sestese si raccoglie per ricordare chi tanto ha fatto per la sua Comunità. Ai suoi cari, ai tanti amici, compagni e cittadini che in questi anni gli hanno voluto bene va in queste ore il nostro pensiero e il nostro affetto”.

Ha collaborato Micol Mulé

 

 

 

 

 

 

 

Sesto San Giovanni, la scomparsa di Filippo Penati: “Politico capace, uomo intelligente e di grande umanità” - overview

Sommario: Le reazioni alla scomparsa di Filippo Penati

Tags
Share

Autore

Angelo De Lorenzi

Angelo De Lorenzi

Articoli Correlati

COMMENTI

0 Commenti

Non ci sono ancora commenti!

Non ci sono ancora commenti, vuoi aggiungerne uno?

Scrivi commento

Scrivi Commento

La tua E-mail non verrà pubblicata.
*Campi obbligatori *

Newsletter

Leggi l'informativa privacy

SEGUI NORDMILANO24

  • Facebook
  • Google+
  • Twitter
  • YouTube