Mar. 06 Dic. 2022
HomeAttualitàControllo di Vicinato: a Cinisello Balsamo si parte con Crocetta

Controllo di Vicinato: a Cinisello Balsamo si parte con Crocetta

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO -[/textmarker] Via libera al “Controllo di Vicinato” anche per il Comune di Cinisello Balsamo, con l’ufficialità della costituzione del primo gruppo di cittadini che terrà a battesimo il progetto nel quartiere Crocetta all’interno del quale sarà operativo tra pochi giorni. A stretto giro anche il quartiere Balsamo verrà coinvolto con la costituzione di un secondo gruppo operativo.

Nemmeno un anno fa di questi tempi 40 Comuni sottoscrivevano il Protocollo d’Intesa con la Prefettura per dare vita a questo progetto di sicurezza partecipata ed ora il percorso necessario per la costituzione delle reti è giunto al termine. Non si tratta di una decisione calata dall’alto, bensì di un progetto condiviso con i cittadini di Cinisello, che durante l’anno hanno potuto approfondire il tema anche dal punto di vista strettamente tecnico, attraverso una serie di incontri organizzati dalla Polizia Locale rivolti ai diretti interessati.

Coloro che hanno aderito al progetto di Controllo di Vicinato avranno un ruolo di osservatori e, qualora riscontrassero situazioni critiche o comportamenti anomali, sarà loro compito attraverso il coordinatore del gruppo, segnalarle alla Polizia Locale. Il Protocollo bandisce l’utilizzo di uniformi, emblemi, simboli o altri distintivi e denominazioni riconducibili a forze dell’ordine così come a partiti o movimenti politici o sindacali. Non sono possibili sponsorizzazioni private ed è esclusa qualsiasi iniziativa privata di pattugliamento del territorio.

Si parla di sicurezza partecipata perchè lo scopo del progetto è declinabile non solo da un punto di vista strettamente legato alla sicurezza, ma anche solidaristico tra cittadini che, compartecipando, esercitano una funzione sociale. “Fare “Controllo di Vicinato” – ha dischiarato il vicesindaco Giuseppe Berlino con delega alla Polizia Locale – significa incrementare le condizioni di sicurezza e ridurre il degrado urbano attraverso la solidarietà dei cittadini. Lo scopo è quello di scongiurare il pericolo di reati contro il bene pubblico, la proprietà privata e le persone”. Soddisfatto del riscontro da parte di cittadini il Sindaco Giacomo Ghilardi: “Siamo soddisfatti che già molti cittadini abbiano colto questa opportunità di partecipazione attiva alla vita della città e del quartiere, diventando attori della sicurezza – ha aggiunto – confidiamo che una volta avviato il progetto tanti altri cittadini possano seguire il loro esempio”.

ARTICOLI CORRELATI