Dom. 21 Lug. 2024
HomeBreaking NewsCinisello Balsamo, approvato il piano di Nord Milano Ambiente. Aumenti per la...

Cinisello Balsamo, approvato il piano di Nord Milano Ambiente. Aumenti per la Tari, le critiche del PD

Il Sindaco annuncia novità: la valutazione di una possibile integrazione dell'Azienda partecipata in altre aziende pubbliche del territorio metropolitano, nell’ottica di ottimizzare i costi fissi, massimizzare lo sviluppo dell’azienda stessa verso i nuovi standard che il settore oggi può offrire e migliorare sempre più i servizi offerti

Il  Consiglio comunale ha approvato il nuovo Piano economico finanziario di Nord Milano Ambiente, la società in house del Comune che gestisce il servizio di igiene urbana a Cinisello Balsamo. Il  documento costituisce l’aggiornamento biennale 2024-2025 del metodo tariffario rifiuti stabilito dall’Autorità di regolazione per l’Energia Reti e Ambienti (ARERA) al fine di definire la tassa sui rifiuti per l’anno 2024.

In particolare, il Piano finanziario prevede la copertura dei costi del servizio di igiene urbana che per l’anno 2024 risulta essere di 10,7 milioni di euro. Una cifra che risulta incrementata di circa di 200mila euro rispetto al 2023 in relazione all’adeguamento dell’inflazione (pari al 5%) e all’aumento dei costi di smaltimento e conferimento, problema che si riscontra a livello nazionale. “Mentre è rimasto invariato il costo del servizio – recita la nota dell’Amministrazione –  che risulta essere tra i più bassi dei Comuni del Nord Milano”.

Positivo il risultato della raccolta differenziata  – prosegue il comunicato – che si è incrementata del 2% raggiungendo il 61%. Altro dato significativo la diminuzione della quantità di rifiuti abbandonati che è passata da 600mila kg a 300mila kg, grazie all’aumento dei controlli. Dall’evasione fiscale sono stati recuperati 450mila euro”.

Aumenti per la Tari

L’incremento complessivo del costo necessariamente comporterà un adeguamento della Tari del 2%. Resterà comunque invariata l’equilibrata ripartizione tra utenze domestiche e non domestiche raggiunta in questi ultimi anni. Così come si è scelto di mantenere minimi i coefficienti tra parte fissa e variabile. Confermate le tre rate di pagamento della Tari ad aprile, luglio e settembre.

“La criticità che da qualche tempo si pone a livello nazionale si riflette anche sul piano locale, tuttavia il decoro della città e il benessere dei cittadini ci impone di trovare soluzioni efficaci. In particolare, se avessimo optato per la variazione dei coefficienti nella determinazione della tariffa, l’incremento sarebbe stato più alto – ha dichiarato il sindaco Giacomo Ghilardi – Siamo in fase di valutazione della fattibilità di soluzioni che mirino a progettare il futuro dell’Azienda e del servizio di igiene urbana, adeguandolo alle evoluzioni del mercato e ai bisogni della comunità. Per questo la nostra Amministrazione ha approvato un atto di programmazione del servizio di igiene urbana che prevede la valutazione di una possibile integrazione della nostra Azienda partecipata in altre aziende pubbliche del territorio metropolitano, nell’ottica di ottimizzare i costi fissi, massimizzare lo sviluppo dell’azienda stessa verso i nuovi standard che il settore oggi può offrire e migliorare sempre più i servizi offerti. Un percorso che potrebbe essere intrapreso attraverso una nuova procedura di affidamento e/o eventuali operazioni sovracomunali. Il punto fermo resta la gestione in house per garantire continuità e controllo tempestivo sul servizio”.

“Si tratta di obiettivi che caratterizzano i contenuti del programma di mandato. Lo slogan “Più decoro e meno degrado”, si concretizza così in un’articolata serie di azioni che condurranno, nel corso di questa legislatura, al miglioramento della qualità della vita a Cinisello Balsamo”, ha aggiunto il sindaco Giacomo Ghilardi.

“La scelta va nella direzione di ricercare soluzioni innovative per garantire standard sempre più elevati di qualità dei servizi resi alla cittadinanza. – queste le parole dell’assessore all’Ambiente Daniela Maggi – Non possiamo restare fermi di fronte alle sfide che il Settore ci impone, soprattutto in un momento in cui gli interventi regolatori imposti da Arera cambiano continuamente. L’obiettivo è di migliorare i diversi aspetti essenziali del servizio di igiene in termini di organizzazione, pianificazione ed esecuzione e di incrementarne l’efficienza lungo tutta la filiera di raccolta”.

All’indomani dell’approvazione del nuovo Piano economico finanziario di Nord Milano Ambiente, non sono mancate però le critiche su più fronti da parte  del PD che punta il dito proprio contro la società che gestisce il servizio di igiene urbana a Cinisello Balsamo.  “Nord Milano Ambiente, una società vecchia che ha bisogno di essere riorganizzata non più in grado di reggere il mercato a costi contenuti ma che ribalta sui cittadini di Cinisello Balsamo tutte le sue inefficienze e le conseguenti diseconomie di scala. Il piano finanziario ammonta a circa 10 milioni che si tramutano in costi da recuperare tra gli utenti cinisellesi con una percentuale costante di insoluti che si aggira tra il 25-30%. Una percentuale di raccolta differenziata sostanzialmente al palo da diversi anni e un parco automezzi sempre più obsoleto nonostante le periodiche sostituzioni”.

Un’altra pesante critica riguarda le spese che i cittadini saranno chiamati a sostenere:  “La TARI è sempre aumentata negli anni di amministrazione Ghilardi e anche nel 2024 ci saranno ulteriori rincari – afferma il consigliere PD Luca Ghezzi – il problema è la totale mancanza di controllo da parte degli organi politici: nonostante l’impegno e professionalità che va riconosciuta a tanti lavoratori, desta preoccupazione l’alta percentuale di assenteismo che sfiora il 20% per oltre 28.000 ore non lavorate, su un potenziale di 145.000 ore complessive mentre l’organico è sempre cresciuto negli anni. E anche il I trimestre 2024 non mostra nessun segno di miglioramento, in quanto sono già state superate le 6.500 ore di assenteismo”.

“Il degrado diffuso”

Altra forte lamentela riguarda lo stato di Cinisello Balsamo. “Le condizioni di degrado diffuso e trascuratezza in cui versa la città certificano le mancanze dell’Amministrazione Ghilardi, da 6 anni al governo” dichiara Alberto Galli consigliere Dem, “I cittadini di Cinisello Balsamo sono stanchi del perdurare di questa situazione e chiedono azioni concrete per migliorare l’aspetto della nostra città, mai così degradata come in questi ultimi anni. È necessaria una svolta a 360° perché non possiamo più aspettare le promesse di una giunta incapace di fare progetti, pronta solo a sfilare e a prendersi i meriti di tutto ciò che arriva da lontano e che in questi anni è arrivato a conclusione” – incalza il consigliere Galli.
“La società deve essere ripensata e riorganizzata, sfruttando sinergie positive con altre organizzazioni del settore che in passato hanno già mostrato interesse e avanzato logiche di partneriato con la nostra realtà”.

ARTICOLI CORRELATI