Lun. 17 Giu. 2024
HomeIn punta di sellinoGiro 2024. A Francavilla al Mare sfreccia Milan

Giro 2024. A Francavilla al Mare sfreccia Milan

Volata di potenza del gigante di Buja che trafigge gli avversari in un finale complicato reso difficile dal vento

Volata di potenza di Jonathan Milan oggi sul traguardo di Francavilla al Mare nell’undicesima tappa del Giro d’Italia di 207 chilometri, una delle più lunghe della corsa rosa di quest’anno. Il friulano è alla seconda vittoria dopo quella di Andora.
Vittoria netta, esplosiva del gigante di Buja, oggi il più forte in assoluto anche contro il vento che spirava a sfavore del gruppo nel rettilineo finale.
Milan, dopo essere stato ben pilotato dai compagni di squadra, ha preso la ruota di Tim Merlier e lo ha saltato con un finale capolavoro, mentre al terzo posto ha chiuso Kaden Groves. Sul rettilineo finale anche una caduta a circa 400 metri dal traguardo, coinvolti tra gli altri Jakobsen, Andresen e Biermasn, che si sono poi sono rialzati.

La corsa odierna ha vissuto dell’attacco lanciato dalla Visma Lease a Bike con il  mantovano Edoardo Affini e l’olandese Tim van Dijke che appena dopo la partenza da Foiano Val Fortore sono fuggiti assieme a Thomas Champion, transalpino della Cofidis. Il gruppo, inizialmente  ha lasciato fare e i fuggitivi hanno accumulato un vantaggio di 2’40”  Il traguardo di Francavilla, però, faceva troppo gola ai velocisti e le squadre si sono organizzate per annullare il vantaggio e arrivare a ranghi compatti a una decina di chilometri dalla fine della tappa. Il gruppo ha corso per molti chilometri con il vento a favore che ha favorito una velocità record.

Lo sloveno Tadej Pogacar rimane in maglia rosa.

Ordine d’arrivo

1. Jonathan Milan (Lidl Trek) in 4h23’18”
2. Tim Merlier (Soudal-QuickStep) s.t.
3. Kaden Groves (Alpecin-Deceuninck) s.t.
4. Giovanni Lonardi (Team Polti Kometa) s.t.
5. Laurence Pithie (Groupama-FDJ) s.t.
6. Juan Sebastian Molano (UAE Team Emirates) s.t.
7. Danny Van Poppel (Bora-hansgrohe) s.t.
8. Fernando Gaviria (Movistar) s.t.
9. Phil Bauhaus (Bahrain Victorious) s.t.
10. Stanisław Aniołkowski (Cofidis) s.t.

Giro d’Italia, Pogačar lascia andare via la fuga e vince Pareint-Peintre

 

ARTICOLI CORRELATI