Lun. 20 Mag. 2024
HomeBreaking NewsCinisello Balsamo, assistenza domiciliare: passa l'odg del PD che introduce una fascia...

Cinisello Balsamo, assistenza domiciliare: passa l’odg del PD che introduce una fascia di esenzione

La soglia d’esenzione sarà poi determinata dalle delibere di Giunta di ogni singolo comune ma dovrà collocarsi in una fascia intermedia tra i valori ISEE pari a 0 e 13.000 euro. il PD: “È un importante risultato perché è una azione che avrà ripercussioni non solo sul Comune di Cinisello Balsamo, ma potrebbe valere anche per tutte le persone nella necessità di richiedere il SAD anche nei Comuni vicini”.

La questione dell’aumento delle tariffe dell’assistenza domiciliare è tornata in Consiglio comunale, questa volta per essere rivista in favore delle fasce più deboli della popolazione. Nel corso dell’ultima seduta è stato approvato l’ordine del giorno del PD – votato con due sole astensioni tra le file della lista Ghilardi – che impegna sindaco e giunta a proporre una modifica del regolamento sovracomunale che norma il servizio affinché ciascuna Amministrazione dell’ambito (Cinisello Balsamo, Bresso, Cusano Milanino e Cormano) possa introdurre una fascia di esenzione ad-hoc per ogni Comune.

“Grazie alle pressioni e al lavoro del Gruppo consiliare del Partito Democratico, delle Associazioni cittadine che si occupano di disabilità e degli utenti del servizio – commentano i dem in una nota -, il Consiglio comunale ha costretto il Sindaco e la Giunta a riconsiderare la propria posizione sulle tariffe del SAD, il Servizio di Assistenza Domiciliare)”. Giusto poche settimane fa, in fase di bilancio di previsione 2024, la Giunta aveva rivisto le tariffe, mai ritoccate dal 2017. L’adeguamento è stato però al rialzo, portando da 2 a 7 euro la tariffa oraria che le famiglie dovranno pagare per avere il servizio di assistenza domiciliare (SAD) per i propri anziani o disabili.

Il servizio, gestito da IPIS attraverso una cooperativa (sulla base di un Regolamento approvato dai Comuni dell’ambito nel 2017), è rivolto a soggetti in condizioni di fragilità, disabili o anziani in carico ai Servizi Sociali. Il costo del servizio all’ora è di 20,72 euro, importo di cui il Comune copre oltre il 70% mentre il resto rimane a carico dell’utente, in relazione all’ISEE presentato. A Cinisello Balsamo, al momento, sono 75 le persone che usufruiscono del servizio SAD, a 20 di queste verrà applicata la tariffa massima.

Sulla questione era intervenuto direttamente anche l’assessore Visentin spiegando che l’adeguamento si è reso necessario per riconoscere alla prestazione il giusto valore, precisando inoltre che l’adeguamento rimane inferiore rispetto alle tariffe presenti nei vicini Comuni: “Il nostro Comune ha scelto di mantenere una tariffa massima pari alla metà di quella in vigore nei Comuni limitrofi che si aggira intorno ai 14 euro all’ora”. L’assessore aveva poi ricordato che il Regolamento comunale prevede la possibilità di valutazione di una riduzione della tariffa o addirittura di esenzioni ad personam da parte del Servizio Sociale per quelle situazioni particolarmente gravi e complesse.

L’ordine del giorno originale presentato dal Partito Democratico chiedeva, oltre l’introduzione della fascia d’esenzione, anche l’aumento della soglia ISEE sopra la quale viene applicata la tariffa massima, una più generale riformulazione delle tariffe d’accesso ai servizi sociali e l’incremento delle risorse per l’assistenza domiciliare ai più fragili, sia economiche che umane, con assunzioni e stabilizzazioni di assistenti sociali, incremento dei progetti di presa in carico della persona e della famiglia, in stretta connessione con i servizi socio sanitari del territorio (ASST, RSA), con il coinvolgimento del Terzo settore per segnalazioni e monitoraggio.

“L’Amministrazione comunale non ha consentito l’approvazione completa del nostro ordine del giorno ma riteniamo comunque un importante successo che il Consiglio comunale a larghissima maggioranza abbia imposto un mandato chiaro alla Giunta per proporre la modifica al regolamento d’ambito al fine di introdurre una fascia di esenzione per i SAD – afferma il Capogruppo PD Marco Tarantola – abbiamo ragione di ritenere che questa proposta non abbia intoppi perché tutti i comuni dell’ambito sono governati dalle stesse forze politiche che in Consiglio comunale hanno votato a favore e anche perché altrimenti si configurerebbe una imbarazzante sconfitta politica per la nostra Amministrazione che, attraverso l’Assessore Visentin, ha la Presidenza dell’Assemblea dei Sindaci”.

La soglia d’esenzione sarà poi determinata dalle delibere di Giunta di ogni singolo comune, ma dovrà collocarsi in una fascia intermedia tra i valori ISEE pari a 0 e 13.000 euro. “È un importante risultato – conclude Tarantola – anche perché è una azione che avrà ripercussioni non solo sul Comune di Cinisello Balsamo, ma potrebbe valere anche per tutte le persone nella necessità di richiedere il SAD anche nei Comuni vicini”.

ARTICOLI CORRELATI