Dom. 14 Apr. 2024
HomeBreaking NewsLa Coppa Agostoni di Lissone apre il Trittico Lombardo. GALLERY

La Coppa Agostoni di Lissone apre il Trittico Lombardo. GALLERY

Presentata a Palazzo Lombardia la manifestazione ciclistica di livello internazionale che unisce sport e cultura. Le gare saranno tutte trasmesse in diretta dalla Rai. Le coppe ai vincitori realizzate dalle aziende e dagli artigiani del territorio

La Coppa Agostoni – Giro delle Brianze – Gran Premio Banco BPM, di Lissone apre il Trittico Lombardo di ciclismo, evento sportivo di livello internazionale che si svolge nella nostra regione. L’ouverture sarà giovedì 28 settembre su un circuito che prevede “salite in grado di fare la differenza fra i corridori”, come ha ricordato Enrico Biganzoli presidente dello SC Mobili Lissone, società organizzatrice della manifestazione, durante la presentazione avvenuta ieri, giovedì 21 settembre, a Palazzo Lombardia e alla quale erano presenti, tra gli altri, il sottosegretario con delega allo Sport e Giovani, Lara Magoni; quello alle Relazioni internazionali ed europee, Raffaele Cattaneo; l’assessore alla Cultura, Francesca Caruso; il presidente del Consiglio regionale, Federico Romani e l’europarlamentare Lara Comi, oltre ad altre personalità del mondo istituzionale e imprenditoriale.

A fare gli onori di casa il presidente Fontana, che ha ricordato l’importanza del ciclismo nella nostra regione: «È un grande sport, che nel nostro territorio ha sempre riscosso un grande successo, perché abbiamo avuto tante aziende che vi si sono dedicate, tanti campioni e una partecipazione popolare unica». «Questo evento – ha aggiunto Lara Magoni – è per Regione Lombardia un vero fiore all’occhiello che promuove lo sport non solo professionistico, ma a tutti i livelli. Momenti che vanno oltre l’appuntamento agonistico, da condividere all’aria aperta anche con la famiglia». La  Magoni ha poi evidenziato come si tratti di un momento eccezionale per lo sport: «Il Governo, infatti, lo ha riconosciuto all’interno della Costituzione lo sport come mezzo etico, sociale ed educativo. Una notizia che ci rende ancor più orgogliosi e responsabilizzati».

I Trofei d’Autore realizzati dagli artigiani e dalle aziende della Brianza

Gli organizzatori delle gare del Trittico Lombardo. Da sinistra: Luca Roveda, Presidente U.S. Legnanese; Marco Aldeghi, Responsabile Direzione Territoriale Milano e Lombardia Nord di Banco BPM, main sponsor della manifestazione; Renzo Oldani, presidente Società Ciclistica Alfredo Binda ed Enrico Biganzoli presidente dello SC Mobili Lissone.

Fra gli intervenuti alla presentazione a Palazzo Belvedere anche il sindaco di Lissone Laura, Borella, che ha esaltato la fusione tra sport e cultura: «Quando si parla di Coppa Agostoni non si può non legare questa storica manifestazione ai Trofei d’Autore, che rappresentano una parte fondamentale della storia della nostra città e con i quali negli anni sono stati premiati dei grandissimi campioni. Questi capolavori onorano la maestria artigiana dei nostri laboratori lissonesi e sono il frutto dell’ingegno progettuale e realizzativo di designer e imprese locali. Anche quest’anno celebreremo questa meravigliosa connessione tra sport e artigianato locale, rinnovando una tradizione
a cui la nostra comunità è particolarmente legata». A farle eco il presidente di Apa Confartigianato, Giovanni Barzaghi: «Mi piace pensare che i valori e principi di questo sport meraviglioso siano radicati anche nel dna della nostra organizzazione: impegno, passione, sacrifici, capacità di fare squadra. I Trofei d’Autore sono coppe realizzate con cura, precisione e maestria nei nostri laboratori artigianali. Mi complimento con le nostre aziende, protagoniste a loro modo del Trittico».
Fra gli interventi anche quello di Marco Aldeghi, Responsabile Direzione Territoriale Milano e Lombardia Nord di Banco BPM, main sponsor delle gare del Trittico, che ha sottolineato le affinità fra il ciclismo e “una banca di territorio, di comunità”, molto radicata nei territori interessati alle gare.

Le salite di Sirtori, Colle Brianza e Lissolo faranno selezione

Alla partenza da Lissone tra i nomi più attesi ci sono il campione italiano Simone Velasco, Matthew Matthews, Diego Ulissi, lo spagnolo Iván García Cortina e il giovane Lorenzo Milesi, vincitore quest’anno del mondiale cronometro Under 23. Dopo il via dallo stabilimento della Cleaf in via Bottego, i corridori pedaleranno verso la provincia di Lecco per affrontare la salita di Sirtori per la prima volta, poi, dopo un tratto di falsopiano inizierà l’iconico circuito che deciderà l’esito della corsa.
La salita di Sirtori (1,5 km con media del 4,9%), Colle Brianza (3,3 km media del 6,2%) e Lissolo (3,65 km media del 6,0%) sarà il menù (per autentici intenditori) del circuito dell’Agostoni che verrà ripetuto 4 volte. Poi, dopo l’ultimo passaggio sul Lissolo, gli ultimi 35 km saranno tutti verso Lissone dove è fissato l’arrivo.

Il secondo appuntamento del Trittico, la Coppa Bernocchi, si disputerà il 2 ottobre con partenza da Parabiago per celebrare i 100 anni dalla vittoria mondiale di Libero Ferrario. Il gruppo transiterà sul tradizionale circuito di Castiglione Olona con il Piccolo Stelvio, ormai diventato un marchio di fabbrica della gara. Dopo la partenza da Villa Corvini a Parabiago i corridori transiteranno per la prima volta nella città di Legnano per poi dirigersi verso Busto Arsizio.
Al chilometro 45 si entrerà nel circuito della Valle Olona, della lunghezza di circa 17 km che verrà ripetuto 7 volte. Punto nevralgico sarà come di consueto la salita del Piccolo Stelvio dove ogni anno si ritrovano i tifosi  per applaudire i corridori. Nel tratto finale della Coppa Bernocchi il gruppo pedalerà verso Legnano per giungere al traguardo di Via Toselli. Il belga Wout Van Aert sarà tra le grandi attrazioni della gara. Annunciata la presenza anche di Mark Cavendish,  di Giulio Ciccone e dei francesi Julian Alaphilippe e Thibaut Pinot.

A illuminare la Tre Valli Varesine, il 3 ottobre, arriveranno il vincitore uscente Tadej Pogacar, Primoz Roglic, Wout Van Aert, Julian Alaphilippe, Lorenzo Rota, Simone Velasco, Jai Hindley, Richard Carapaz e Romain Bardet.
Dopo la mattinata dedicata alle donne la partenza della prova maschile  avverrà da Busto Arsizio con un primo passaggio per poi iniziare a salire pedalando verso Varese dove ci sarà il tradizionale giro con la salita del Montello della lunghezza di 13 km da ripetere 8 volte. Gli ultimi 50 chilometri saranno caratterizzati da due giri di 25 chilometri che porteranno il gruppo nel tradizionale arrivo di via Sacco. Gara dura, selettiva. Lo scorso anno vinse Tadej Pogacar.

Angelo De Lorenzi

Fausto Coppi vinse la Coppa Bernocchi nel 1954, la Tre Valli Varesine nel 1941, nel 1948 e nel 1955.

 

 

 

Gino Bartali
Gino Bartali vinse la Coppa Bernocchi nel 1935 e la Tre Valli Varesine nel 1938.

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI