Dom. 21 Lug. 2024
HomeBreaking NewsPaderno Dugnano: Grancasa chiude, 27 lavoratori a rischio

Paderno Dugnano: Grancasa chiude, 27 lavoratori a rischio

Sabato il presidio di protesta davanti al punto vendita di via Amendola

Il punto vendita Grancasa di Paderno Dugnano sembra avviato verso la chiusura e 27 persone potrebbero perdere il posto di lavoro. Il negozio non rientra infatti nel piano di di acquisizione annunciato da Risparmio Casa. Il marchio ha confermato ai primi di agosto l’assunzione di 320 lavoratori di 11 negozi sparsi nel Nord Italia da parte del gruppo Battistelli. Tra questi, c’è anche il punto vendita dei Grandi Magazzini Bossi alle porte di Saronno, ma nella lista non rientra quello di Paderno.

Grancasa a rischio chiusura

La chiusura del negozio sembra davvero imminente. Da metà agosto, infatti, sono partiti forti sconti e basta vedere gli scaffali per accorgersi che la merce è in via di smaltimento. C’è quindi una forte preoccupazione per la perdita del posto di lavoro del personale impiegato nel negozio di Paderno Dugnano.

Sabato il presidio davanti al punto vendita di via Amendola

Sabato 16 settembre, intanto, è in programma un presidio a partire dalle 10.30 del mattino. In un comunicato diramato da Filcams Cgil Milano diramato nelle scorse settimane si leggeva. “Chi lavora in Grancasa, ha fatto enormi sacrifici e rinunce anche salariali, subendo contratti di solidarietà, cassa Integrazione, procedure di mobilità, fino ad una composizione negoziata della crisi di impresa che ha visto anche l’intervento del Tribunale di Milano”. A fianco dei lavoratori, sabato sarà presente anche Sinistra Italiana: «Crediamo che questi 27 lavoratori e le loro famiglie non siano solo un problema della città di Paderno Dugnano ma rappresentino una questione che interessa tutto il Nord Milano perché oggi è Grancasa e domani sarà un’altra. – commenta Pasquale Romano, segretario Sinistra Italiana Nord Milano – In tutta l’area vediamo aziende che chiudono e distretti produttivi che vengono dismessi lasciando la zona senza poli occupazionali in grado di assorbire la richiesta di lavoro. Grancasa è solo la punta di un iceberg. Dobbiamo cercare, dove ci è possibile, di trovare soluzioni che ravvivino il tessuto produttivo dell’area. Sabato mattina saremo a fianco dei lavoratori e continueremo a farlo perché il lavoro torni a essere al centro delle politiche del nostro territorio».

ARTICOLI CORRELATI