Mar. 16 Apr. 2024
HomeBreaking NewsCinisello Balsamo, la scuola Anna Frank non sarà abbattuta

Cinisello Balsamo, la scuola Anna Frank non sarà abbattuta

Presentati in Commissione Affari Ambientali e Territoriali i punti di intervento relativi al progetto Entangled, una proposta alternativa che trasformerà il quartiere Crocetta. In programma la realizzazione di una nuova piazza, giardini, piste ciclabili, arredi. Interventi interesseranno anche il Centro civico e la Casa della Salute

La scuola Anna Frank non sarà abbattuta, ma riqualificata per una destinazione esclusivamente didattica; una nuova area verde verrà realizzata al posto dell’attuale Centro civico, insieme a una nuova piazza, piste ciclabili e nuovi arredi; mentre il Centro Civico traslocherà nel nuovo edificio che sorgerà in viale Abruzzi: un nuovo Centro polifunzionale in cui saranno ospitati anche il nido, lo Spazio giovani e la Casa della Cittadinanza, e la Casa della Salute collocata in un’area oltre l’autostrada. Questi i punti di intervento relativi al progetto Entangled illustrati al Tavolo “politico” e presentati ieri sera in Commissione Affari Ambientali e Territoriali alla presenza di alcuni stakeholder della Crocetta.

Di particolare interesse la sorte della scuola Anna Frank, che per mesi ha tenuto col fiato sospeso la cittadinanza nel timore che potesse essere abbattuta e lasciare così il territorio privo di un’eccellenza in campo didattico e formativo. Pericolo scampato, la scuola non verrà abbattuta ma riqualificata confermandone la destinazione esclusivamente di natura didattica. Si procederà con interventi di efficientamento energetico e adeguamento, nonché miglioramento sismico ad elevati standard sotto il profilo della sicurezza strutturale e riduzione dei consumi. Il progetto prevede ulteriori spazi a disposizione della scuola che potranno essere progettati nel dettaglio in collaborazione con la Dirigenza scolastica.

Un ulteriore ambito interessato da interventi significativi è quello della Casa della Cittadinanza e centro CAG Icaro. L’intera area che si affaccia su viale Abruzzi vedrà la demolizione dell’edificio attualmente presente con la sostituzione di un nuovo stabile essi da destinare a Centro Polivalente. Nella parte ovest sarà ospitato l’asilo nido con ingresso esclusivo e area giardino, più grande rispetto a quello attuale, e quindi con una maggiore disponibilità di posti a disposizione. A est sarà collocato il Centro civico con funzioni dedicate all’incontro intergenerazionale, per attività per anziani e lo spazio giovani (ex Icaro). Si potrà trovare al suo interno un ambiente dedicato specificatamente alla musica, quale sala di registrazione, una piccola hall, un’area ristoro e un’area coworking, oltre a ulteriori spazi per la nuova casa della cittadinanza.

Il terzo ambito prevede la riqualificazione e la progettazione di nuovi spazi urbani con finalità sociale, per facilitare la convivenza e la coesione. In particolare, di fronte alla scuola Frank, dalla demolizione dell’attuale Centro anziani di via Friuli nascerà una nuova piazza, un nuovo spazio verde, strategico in un’area fortemente edificata. Verranno poi ridefiniti i percorsi ciclo-pedonali, fino a via Matteotti attraverso la piazza sopraelevata, con nuovi arredi urbani e installazioni multimediali e artistiche.

Prevista la Casa della salute

Infine, ma non per importanza, la creazione della Casa della salute, intesa come sede pubblica dove collocare i servizi territoriali che erogano prestazioni sanitarie, compresi gli ambulatori di medicina generale e specialistica ambulatoriale e sociali, che sarà collocata a nord dell’autostrada immediatamente oltre la piazza sopraelevata.

Confermata, invece, l’azione in parternariato con Aler di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico dell’edificio residenziale di via Friuli.

“La soluzione progettuale individuata ha tenuto conto delle esigenze, suggerimenti e proposte recepite nella fase di confronto e partecipazione. Questo a dimostrazione che c’è sempre stata da parte nostra una disponibilità, una apertura e un’attenzione alle richieste provenienti dai chi vive e opera in Crocetta”, commenta il sindaco Giacomo Ghilardi, annunciando che la proposta sarà poi presentata a tutti gli stakeholder avviando un’ulteriore fase di coinvolgimento. L’auspicio è di poter entrare presto nel vivo del progetto che, con i suoi 15 milioni di investimento, offre alla Crocetta la possibilità di cambiare volto attraverso una profonda riqualificazione: “L’iter continua con la restituzione in quartiere, ci siamo dati appuntamento il 25 settembre – aggiunge Fabrizia Berneschi, assessore al Governo del Territorio -. Tutta la progettazione degli spazi verrà condivisa con i residenti e con tutti i soggetti che a vario titolo operano in Crocetta”.

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI