Lun. 04 Mar. 2024
HomeBreaking NewsSesto San Giovanni, il cinema racconta il lavoro

Sesto San Giovanni, il cinema racconta il lavoro

Al via la Diciannovesima edizione del Labour Film Festival

Diciannovesima edizione per il Labour Film Festival, la rassegna dedicata all’incontro tra cinema e lavoro promossa da Cisl e Acli Lombardia con il Cinema Rondinella di Sesto San Giovanni che quest’anno si terrà dal 4 settembre al 12 ottobre.

Primo in Italia, uno dei quattro più importanti nel panorama europeo, ritorna ad aprire la stagione del Cinema Rondinella di via Matteotti 425.

I focus della diciannovesima edizione sono molteplici, in particolare: lavoro minorile e dispersione scolastica in Italia; lavoro e cambiamenti climatici nel sud del mondo; il rifiuto del lavoro e la nuova era del “dopo lavoro”; le eccellenze italiane all’estero con lo storytelling “Italiani di Frontiera” di e con Roberto Bonzio.

Il festival anche quest’anno ripropone la formula articolata su tre sezioni: Labour.Short, dedicata ai cortometraggi; Labour.Doc, ai documentari, e Labour Film, i lungometraggi di fiction.

Differenti le angolature da cui gli autori raccontano storie che investono in qualche modo anche il tema della rassegna: la giovane protagonista bambina di Californie e la necessità di lavorare per sé e la propria famiglia; i cambiamenti climatici che mettono in discussione forme di lavoro tradizionali e secolari nelle Ande boliviane di Utama – La terra dimenticata; la raccolta dei prodotti della terra che si intreccia con la questione dell’emancipazione femminile negli assolati frutteti tunisini de Il frutto della tarda estate; la lotta per lavoro, dignità e diritti dei lavoratori della GNK di Firenze nel bel doc E tu come stai?; il lavoro sottopagato e lo scontro tra culture in Animali Selvatici; le difficili condizioni di lavoro in un negozio di alimentari discount di The Store; la dura emigrazione in cerca di lavoro e fortuna degli italiani di inizio Novecento nello splendido film di animazione in stop-motion Manodopera.

Il lavoro raccontato dai registi

Complessivamente, il programma prevede ben 22 appuntamenti, 27 pellicole e diverse serate speciali, con l’intervento di registi ed esperti: tra gli altri Gigi Mecchia, attore protagonista del film di Alessandro Comodin GIGI LA LEGGE; i registi Alberto Gottardo e Francesca Sironi per il film FORTUNA GRANDA; il regista Erik Gandini per il film AFTER WORK; il regista Antonio Tibaldi per l’anteprima del film GORGONA. Chiuderà la rassegna il Labour Short Award, la serata dedicata ai corti con il Premio del Pubblico e il Premio della Giuria composta da studenti under 18.

Anche per l’edizione 2023 al fianco del Labour Film Festival importanti media partner come Avvenire, Il diario del lavoro, Il Segno, Radio Marconi, Conquiste del lavoro, Cisl Tv.

Il costo del biglietto d’ingresso fino al 21 settembre è di 3,50 euro; dal 22 settembre è di 5,00 euro per le proiezioni serali e 3,50 euro per quelle pomeridiane.

L’intera rassegna si svolge come sempre al Cinema Rondinella di Sesto San Giovanni, in via Matteotti 425, con il patrocinio di Europa Cinemas, e con la collaborazione del Circolo Acli San Clemente, di Lombardia Servizi, di FITEL Lombardia, di CRT FITEL Milano e di BiblioLavoro. Il programma completo sarà disponibile su www.cinemarondinella.it e nella sezione “Cinema e lavoro” del sito della Cisl Lombardia www.lombardia.cisl.it.

 

ARTICOLI CORRELATI