Dom. 21 Lug. 2024
HomeBreaking NewsIl sindaco Sala propone di usare Milano come test per azzerare gli...

Il sindaco Sala propone di usare Milano come test per azzerare gli incidenti fra i camion e le bici

Dopo l’ultimo incidente di ieri a Milano fra una betoniera e una donna in bicicletta, morta a causa dell’impatto, si può dire di essere di fronte a una vera e propria emergenza. La politica si interrogare sul da farsi per eliminare le situazioni di pericolo in città. L’obiettivo è azzerare gli incidenti mortali tra bici e camion, sinistri che in sei mesi – solo nel capoluogo lombardo- sono costati la vita a ben quattro persone. Per questo motivo – secondo le ultime dichiarazioni del sindaco Beppe Sala – la città potrebbe presto diventare una maxi area di test in cui, se tutto verrà confermato, potranno accedere solo mezzi pesanti dotati di sensori per evitare le cosiddette “tragedie dell’angolo cieco”.

“Stiamo lavorando ad un modo per normare l’applicazione dei dispositivi che leggono l’angolo cieco – ha chiosato il sindaco Beppe Sala parlando con i giornalisti dell’incidente costato la vita a Alfina D’Amato, la 60enne morta in piazza Durante giovedì -. Non è semplice perché non c’è una norma italiana ed europea, ci sono alcune sperimentazioni a Londra”.

Milano area test

Non è proprio un gioco da ragazzi trasformare in realtà l’idea presentata dal consigliere comunale di maggioranza Marco Mazzei. “Le problematiche – ha puntualizzato il sindaco – sono quelle di fare una sperimentazione che non ha radicamento nel codice della strada e sapere con certezza che poi i dispositivi saranno disponibili sul mercato affinché li si possa applicare. Stiamo chiedendo al ministero dei Trasporti di usare Milano come area test, anche perché questo è un problema di tutte le città, anche se queste cose quando succedono a Milano hanno più visibilità”. In vista un prossimo incontro con il ministro Salvini per discutere di queste problematiche.

Marco Mazzei

Riguardo le tempistiche per la presentazione della delibera per rendere obbligatorio per i mezzi pesanti il dispositivo che elimina l’angolo cieco dello specchietto il sindaco ha reso noto che sarà presentata in Giunta auspicabilmente a inizio luglio. “Bisognerà capire poi se il mercato renderà disponibile subito il dispositivo e in alternativa come si potrà fare, diremo che se c’è la conferma di averlo ordinato si potrà entrare in città” ha spiegato Sala.

In merito alle limitazioni orarie per i mezzi pesanti il sindaco di Milano ha spiegato che “stiamo studiando, ovviamente dobbiamo parlare anche con le associazioni di categoria perché nessuno vuole fermare l’economia, ma bisogna un po’ ragionare”.

L’argomento, che è drammatico nel capoluogo lombardo, riguarda in realtà tutto il nord Milano e l’intero Paese, dove gli incidenti con i ciclisti sono quasi all’ordine del giorno.

ARTICOLI CORRELATI