Mar. 18 Giu. 2024
HomeBreaking NewsCusano Milanino, anche il grande Eddy Merckx per l’ultimo saluto a Ugo...

Cusano Milanino, anche il grande Eddy Merckx per l’ultimo saluto a Ugo De Rosa

C’era anche Eddy Merckx, il corridore più forte della storia, questa mattina a Cusano Milanino per rendere omaggio a Ugo De Rosa, il mago dei telaisti, figura di spicco dell’industria italiana della bici.

Partito apposta da Bruxelles e sbarcato verso mezzogiorno a Malpensa è arrivato in piazza Martiri di Tienanmen intorno alle 12.45. Qualche passo fuori dal mezzo per arrivare in Comune dove ha raggiunto la camera ardente allestita dall’Amministrazione. Gli occhi già gonfi di lacrime mentre saliva le scale, poi la figura statuaria di Eddy si è inchinata davanti alla bara che custodiva il suo amico. E ha pianto. Con Ugo ed Eddy solo i figli, Danilo, Doriano e Cristiano, la moglie Mariuccia, i nipoti, qualche amico e familiare, il sindaco di Cusano Milanino, Valeria Lesma.

Eddy Merckx è rimasto in raccoglimento un numero di minuti impossibili da contare e chissà quanti pensieri e quali immagini della loro vita e amicizia sono passati davanti ai suoi occhi.

Lacrime e gratitudine

Sono stati momenti molto intimi. Eddy, asciugate le lacrime, si è poi intrattenuto a lungo con i figli di Ugo in una conversazione dai tratti personali.

Un secondo padre per Eddy Merckx

Si è scritto che Ugo De Rosa è stato per Merckx un secondo padre e oggi ne abbiamo avuto la conferma. Tanti sono stati i corridori e i campioni che hanno corso con le bici costruite da De Rosa, ma solo con Eddy si era celebrato un connubio, un’alleanza, una collaborazione che è andata sempre oltre il rapporto meramente professionale.

Eddy Merckx ed Ernesto Colnago

Al funerale celebrato nel primo pomeriggio nel Santuario della Madonna della Cintura hanno partecipato molti personaggi del mondo del ciclismo: dagli ex corridori come Marino Vigna, l’olimpionico di Roma 1960, Gianni Motta, Marco Saligari, Gianni Bugno, Bruno Reverberi ad altre figure di rilievo del mondo del ciclismo a partire dall’imprenditore della bici Ernesto Colnago, Cordiano Danioni, Presidente della Federazione italiana di ciclismo, fino a Pieragusto Stagi, direttore di Tuttobici, Gianfranco Josti, ex Corriere della Sera e decano dei giornalisti di ciclismo e Mario Molteni, il figlio del fondatore della squadra brianzola con cui Eddy vinse tutto dal 1971 al 1976.

Al termine della cerimonia gli amici e i familiari hanno accompagnato Ugo nello stesso cimitero di Cusano Milanino dove riposa anche Alfonsina Strada, la prima donna in assoluto ad aver corso il Giro d’Italia.


 

Segui la Newsletter In punta di sellino

Se vuoi condividere informazioni e esperienze nel mondo della bicicletta, scrivi a inpuntadisellino@gmail.com

Angelo De Lorenzi

 

ARTICOLI CORRELATI