Dom. 27 Nov. 2022
HomeAttualitàCittà Metropolitana di Milano, nuovo piano cave: il Consiglio approva proposta di...

Città Metropolitana di Milano, nuovo piano cave: il Consiglio approva proposta di Atto Amministrativo

Pase: “Un nuovo Piano migliorativo per cittadini e ambiente”

Milano, 28 giugno. Via libera dal Consiglio Regionale Lombardo al “Nuovo Piano cave della Città Metropolitana di Milano per il settore merceologico della Sabbia e Ghiaia”. “Uno strumento – spiega il presidente della Commissione Ambiente Riccardo Pase, relatore in aula del provvedimento – che pianifica per 10 anni la messa a disposizione di materia prima per le necessità del territorio e prevede una riduzione importante dei volumi, passando dagli attuali 57.757.000 milioni di metri cubi a 32 milioni di metri cubi. Ciò permetterà un ridimensionamento degli ambiti estrattivi che passeranno da 33 a 25, ciascuno con un’unica cava e 7 cave di recupero, l’eliminazione completa di cave d’argilla ritenute non necessarie cosi come eliminazione delle cave di riserva.
Un Piano che dimostra attenzione verso il territorio che va nella direzione dello sviluppo, necessario per portare avanti le varie attività collegate a quelle di cava ma anche di  sostenibilità, focus fondamentale di questo nuovo Piano che prevede infatti importanti mitigazioni e percorsi di recupero. Un percorso che prevede, per esempio, nel comune di Senago la cancellazione della Cava Nord e la riduzione di quella Sud che è vicina alle zone abitate. Un’attenzione importante è stata data anche alla viabilità, con la possibilità di inserire prescrizioni ad hoc nelle singole schede in grado di permettere  soluzioni viabilistiche migliorative degli effetti dell’attività estrattiva in favore dei cittadini e dell’ambiente.
Un percorso – conclude Pase – che è stato fatto in commissione grazie anche all’ascolto di tantissimi stakeholder del territorio e delle associazioni ambientaliste che ha portato ad elaborare questo strumento che mi auguro possa offrire le risposte necessarie al territorio per l’approvvigionamento della materia prima per i prossimi 10 anni”.

ARTICOLI CORRELATI