Lun. 27 Set. 2021
HomeAttualitàASST Nord Milano, al via il progetto Poliambulatori aperti: visite di sera...

ASST Nord Milano, al via il progetto Poliambulatori aperti: visite di sera e sabato mattina

Obiettivo potenziare le attività e ridurre i tempi di attesa per le visite. oltre 1400 le ore aggiuntive mensili

Garantire un’offerta di prestazioni sanitarie che possa soddisfare le richieste di nuove visite e ridurre i tempi di attesa nel rispetto del Piano Nazionale di Governo Liste di Attesa 2019-2021. È l’obiettivo del progetto Poliambulatori aperti che ha preso il via in questi giorni e che vedrà fino a fine anno l’ampliamento degli orari di apertura, e quindi del numero di visite garantite nei Poliambulatori territoriali ed ospedalieri dell’ASST Nord Milano, arrivando ad un totale di 1400 ore mensili.

Grazie a questo progetto sarà possibile effettuare tac, ecocolordoppler, visite cardiologiche, ecografie, visite urologiche, ginecologiche e fisiatriche, giusto per citarne alcune, anche la sera fino alle 20 ed il sabato mattina. Il progetto Poliambulatori aperti coinvolge 18 branche specialistiche che vanno dalla neurologia, ortopedia, pneumologia, chirurgia vascolare fino all’oculistica dedicata ai bambini. In particolare, i poliambulatori di via Doria e via Rugabella saranno aperti tutti i giorni fino alle 20 e, insieme agli ambulatori di cardiologia ed urologia dell’Ospedale Bassini e Città di Sesto San Giovanni, anche il sabato mattina.

“La disponibilità degli operatori sanitari – ha dichiarato Elisabetta Fabbrini Direttore Generale ASST Nord Milano – permette di ampliare l’offerta di servizi e ridurre sensibilmente i tempi di attesa sia nel territorio Nord Milano che nell’ambito della città metropolitana di Milano. Un lavoro corale che ha potuto contare sulla disponibilità dei professionisti ospedalieri, del personale delle professioni sanitarie e degli specialisti ambulatoriali, oltre alla collaborazione dei rappresentanti sindacali aziendali e territoriali degli specialisti ambulatoriali nell’obiettivo comune di soddisfare il più possibile i bisogni di salute dei cittadini”.

ARTICOLI CORRELATI