Mer. 17 Apr. 2024
HomeIn evidenzaSPECIALE GIRO 2021. Pedale Sestese, il sogno di una scuola di ciclismo

SPECIALE GIRO 2021. Pedale Sestese, il sogno di una scuola di ciclismo

[textmarker color=”ff69b4″] ULTIMO CHILOMETRO. SPECIALE GIRO 2021 [/textmarker] Solo la pandemia ha impedito grandi festeggiamenti per il compleanno del Pedale Sestese, gloriosa società impegnata nel ciclismo a vari livelli:  giovani, esordienti, fino agli amatori che vivono la bicicletta come un divertimento. Ecco l’intervista a Umberto Moretti, dirigente della società. (Nella foto di apertura, Angelo Beretta durante le qualificazioni per la Sei Giorni Dilettanti nel 1971).

Partiamo dalla carta d’identità: quando siete nati?
Il Pedale Sestese inizia la sua attività nel 1950 sono quindi sono più di 70 anni di attività! L’anniversario l’avremmo dovuto festeggiare, ma a causa del Coronavirus il tutto è stato rimandato.

Come siete organizzati?
L’associazione si avvale di una struttura costituita da un consiglio direttivo di cui io sono il presidente e 7 consiglieri tra cui un segretario e cassiere. Abbiamo un gruppo di atleti definiti “esordienti “ e “giovanissimi” seguiti da 2 direttori sportivi che li seguono e li preparano alla attività agonistica.

Come si svolge la vostra attività?
Abbiamo 2 gare a livello locale. La prima si tiene nel corso del mese di maggio ed è rivolta agli esordienti sviluppandosi su un percorso di circa 40 Km e rappresenta l’unica gara per la categoria in tutta la Lombardia. La seconda si svolge a settembre ed è dedicata ai giovanissimi (dai 6 agli 11 anni): si svolge in area locale e vede coinvolti 140/150 ragazzi. Oltre all’aspetto agonistico il Pedale si avvale della partecipazione di circa 40 cicloamatori che con la loro attività ludica (il piacere dell’andare in bicicletta) contribuiscono ad alimentare questa passione. Mi preme far presente che tra le tante attività del Pedale, l’associazione organizza da ben 44 anni un raid di una settimana in giro per l’Italia. Ovviamente non si tratta di un momento agonistico bensì un momento di aggregazione e di condivisione. La partecipazione è aperta a tutti i soci del Pedale e a tutti coloro che iscrivendosi desiderano condividere questa passione.

Che cosa immaginate nel futuro della vostra società?
Il futuro ci vede impegnati a sviluppare presso i giovani l’attività ciclistica con un programma di istituzione di una scuola ciclistica che non solo prepari i giovani all’eventuale attività agonistica ma educhi gli stessi all’educazione e alla correttezza in strada evitando comportamenti pericolosi . A tal proposito siamo alla ricerca di una pista che consenta lo sviluppo e la preparazione di quanto detto. Abbiamo contatti con il comune di Sesto e con comuni vicini, come quello di Cusano Milanino, nella speranza di poter arrivare a una soluzione.
Riteniamo che il futuro sia l’impegno da profondere ai giovani indicando loro il modo corretto di avvicinarsi a questo meraviglioso sport.

Il ciclismo è uno sport di fatica, ma attira anche le persone di una certa età…
Per quanto riguarda i “maturi” la pedalata assistita anche nell’ambito del ciclo da corsa rappresenta una valida alternativa al fine di poter continuare l’attività con meno stress e con sforzi fisici adeguati alla carta d’identità. Un’ultima attività che stiamo promovendo è riferita alla corretta alimentazione nell’ambito dell’attività ciclistica. Una collaborazione con una nota Società americana ci consente di sviluppare tale progetto sia da un punto di vista consulenziale che di somministrazione di prodotti specifici.

 

 

ARTICOLI CORRELATI