Mar. 27 Lug. 2021
HomeAttualitàCinisello Balsamo, Legambiente: "Chiediamo che l'attuale Pgt sia annullato"

Cinisello Balsamo, Legambiente: “Chiediamo che l’attuale Pgt sia annullato”

[textmarker color=”E63631″] CINISELLO BALSAMO -[/textmarker] Continua a far discutere (e  non poteva essere altrimenti) la vicenda giudiziaria intrapresa dalla Magistratura nei confronti di Siria Trezzi, ex sindaco di Cinisello Balsamo, del Partito Democratico, insieme al marito Roberto Imberti, che prima di lei era stato vicesindaco della città e segretario provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà.

La Magistratura vuole fare luce sul comportamento degli indagati nell’ambito della più gigantesca operazione urbanistica che la città ricordi.

Coinvolti nell’inchiesta – come noto – anche l’imprenditore Paolo Cipelletti, il coordinatore cittadino Ivano Ruffa e l’ex consigliere dem Franco Marsiglia.

E’ di queste ore un giudizio diffuso dal Circolo Legambiente di Cinisello Balsamo che in una nota “auspica che l’azione dei giudici chiarisca i diversi punti oscuri della vicenda nel rispetto dei diritti degli accusati”.

“E’ noto alla cittadinanza cinisellese – prosegue il comunicato – l’impegno di Legambiente negli anni e nei decenni passati per denunciare pubblicamente le azioni, presenti nei precedenti Piani Regolatori Generali (PRG) e nell’attuale Piano di Governo del Territorio (PGT), che comportassero un’incidenza negativa sull’ambiente, sulla qualità dell’aria, sul consumo di suolo e sulla elevatissima urbanizzazione della Città di Cinisello Balsamo. (A destra, una zona del Parco del Grugnotorto, al centro della vicenda).

Legambiente ha presentato nel tempo Esposti, Ricorsi al TAR ed al Presidente della Repubblica, oltre a decine e decine di Osservazioni alle varie Amministrazioni che si sono susseguite negli anni ogni qualvolta si prospettasse l’avvento di nuove pesanti cementificazioni del territorio.

Legambiente auspica quindi – conclude la nota – che, con l’avvio di questa importante azione giudiziaria da parte della Magistratura, l’attuale Amministrazione Comunale assuma la decisione, indipendentemente dall’iter giudiziario previsto, di sospendere la proroga da essa stessa concessa a tutti i progetti cementificatori che attualmente sono in vigore derivanti del Governo del Territorio in vigore dal 2013 e che tale PGT sia annullato per far posto ad un nuovo e più sostenibile Piano di Governo del Territorio che tenga finalmente conto dei principali fattori di fragilità del territorio cittadino: consumo di suolo oltre il 75% con eccessiva impermeabilizzazione della superficie urbana, elevatissima antropizzazione, elevato traffico veicolare privato a fronte di una scadente organizzazione dei trasporti pubblici urbani, scelte urbanistiche antitetiche al rispetto dell’ambiente e soprattutto della salute dei cittadini cinisellesi, ed evidenziando da ultimo l’importanza di continuare a salvaguardare le aree del Parco Grugnotorto Villoresi e tutte le aree verdi cittadine”.

ARTICOLI CORRELATI