Dom. 23 Gen. 2022
HomeAttualitàCinisello Balsamo: Ex Auchan, rinviata ad Aprile la sentenza del TAR

Cinisello Balsamo: Ex Auchan, rinviata ad Aprile la sentenza del TAR

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO -[/textmarker] Rinviata al prossimo 9 Aprile 2020 la decisione del TAR in merito al ricorso presentato da Legambiente nel 2014 contro il Piano di Governo del Territorio del Comune di Cinisello Balsamo che prevede un’ulteriore cementificazione del suolo e l’ampliamento del centro commerciale (ex Auchan, ndr) con la costruzione di palazzi a uso ufficio e servizi in zona Bettola, prospiciente la nuova stazione della metropolitana in via di realizzazione.

Il ricorso presentato da Legambiente chiede la cancellazione del progetto e la ridiscussione del PGT attualmente in vigore motivato, secondo Legambiente, dalla preoccupazione per un “intervento urbanistico fortemente invasivo che peggiorerà la qualità della vita nella città e nei Comuni vicini”, questo quanto si apprende dal comunicato dell’associazione.

L’impatto sul traffico veicolare con ripercussioni sulla viabilità locale e il conseguente peggioramento della qualità dell’aria sono i principali punti di interesse per Legambiente, che tramite il Presidente per la Lombardia Barbara Megetto fa sapere: “E’ necessaria una pianificazione regionale che valuti un “fattore di pressione” per evitare che tali strutture commerciali siano impattanti e concentrate in un territorio che ha già una densità eccessiva di carichi ambientali. Opere come questa non coincidono con la nostra idea di rigenerazione urbana”.

Critiche anche dalla Commissione Europea con la nota della Commissaria alle Petizioni che richiamava i pesanti impatti ambientali e i loro effetti sulla salute.

Si aggiunge a questo scenario anche la recente notizia su possibili problemi strutturali sollevati dai progettisti, circa il peso della struttura che potrebbe addirittura sprofondare sulla sottostante metropolitana in via di realizzazione.

Per queste ragioni il TAR si è riservato di rinviare la decisione al prossimo aprile consentendo così di chiamare in giudizio anche Metropolitane Milanesi SpA e il Comune di Milano.

Per ora soddisfatto Maurizio Zampini, presidente del circolo Legambiente di Cinisello Balsamo: “Noi continuiamo la nostra battaglia per contrastare un progetto che porterà al peggioramento della salute dei cittadini, all’inquinamento atmosferico, dell’ambiente e più in generale della qualità della vita – ha dichiarato – continueremo nei prossimi mesi a fare il nostro lavoro di denuncia e di difesa dell’ambiente e del benessere collettivo”.

ARTICOLI CORRELATI