Gio. 19 Mag. 2022
HomeAttualitàSesto e Cinisello: il biglietto urbano è (quasi) realtà

Sesto e Cinisello: il biglietto urbano è (quasi) realtà

[textmarker color=”E63631″]NORDMILANO[/textmarker] – In questo momento storico di annunci e promesse, sul trasporto pubblico locale nell’area di Milano, paiono esserci due certezze: la prima è che il biglietto urbano passerà da 1,50 a 2 euro. La seconda è che Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni faranno parte della fascia urbana meneghina, per cui per muoversi da queste due città del Nordmilano verso il centro di Milano, costerà sempre e soltanto due euro.

Lo ha ribadito ancora il consigliere delegato alla Mobilità di Città Metropolitana, Siria Trezzi: l’ex sindaco di Cinisello Balsamo ha parlato ancora delle future tariffe del trasporto pubblico dopo l’annuncio della revisione che dovrebbe entrare in vigore a marzo 2019. “A Sesto, con l’attuale sistema tariffario, il nuovo rincaro avrebbe portato il biglietto a 2,40 e gli abbonamenti si sarebbero impennati. Invece la tariffa sarà a 2 euro, non ci saranno più differenze tariffari e nel Comune, mentre sull’abbonamento annuale si risparmierà fino a 60 euro”.

Su Cinisello, l’ex primo cittadino ha detto: “A Cinisello il vantaggio è maggiore, il capolinea del metrò di Bettola avrà un biglietto a 2 euro mentre sull’abbonamento annuale si arriverà a risparmiare 245 euro”.

Non è ancora chiaro cosa succederà agli altri Comuni del Nordmilano. Forse Cusano Milanino sarà considerato Comune di “prima fascia”, per cui anche muoversi da Cusano verso la Madonnina costerà 2 euro. E Cologno Monzese che ha ben 2 fermate della linea verde? E Bresso, che confina direttamente con Milano?

Si parlerà anche di questo nell’incontro pubblico che è stato indetto per venerdì 28 settembre, alle 21, in Villa Ghirlanda: all’evento parteciperà anche l’assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli.

ARTICOLI CORRELATI