Ven. 07 Ott. 2022
HomeCusano MilaninoFreddo nelle scuole, M5S di Cusano all'attacco: "Nessuna risposta"

Freddo nelle scuole, M5S di Cusano all’attacco: “Nessuna risposta”

[textmarker color=”E63631″]CUSANO MILANINO[/textmarker] – Il Movimento 5 Stelle di Cusano Milanino passa all’attacco: dopo le vicende che hanno nuovamente coinvolto le strutture scolastiche della Città Giardino, che anche quest’anno hanno lasciato al freddo gli studenti, i pentastellati avevano chiesto spiegazioni al sindaco Lorenzo Gaiani.

Al primo cittadino era arrivata un’interrogazione in cui veniva chiesto il motivo per il qualenon era stato predisposto il nuovo appalto per la manutenzione delle delle caldaie e chi nell’ente (uffici e parte politica) era a conoscenza del problema della caldaia di via Edera, in cui già lo scorso giugno si era verificato un problema. “A distanza di un mese – attaccano i grillini – ci è arrivata la risposta (o meglio, la non risposta) da parte del responsabile del settore Gestione del territorio, che il sindaco ci tiene a far sapere di condividere pienamente. Nella replica ci viene spiegato che il ritardo nella riparazione non sia riconducibile a una vacanza contrattuale relativamente al servizio di manutenzione delle caldaie, quanto ad errori di valutazione da parte dello stesso, con il quale i rapporti sono conclusi. Si aggiunge poi che è stato necessario per questo specifico problema tecnico un intervento da parte del costruttore, che tuttavia si è concretizzato , nonostante i ripetuti solleciti, solo all’acutizzarsi del problema”.

Il Movimento 5 Stelle di Cusano ritiene che le domande regolarmente presentate nell’interrogazione siano state aggirate, senza una vera risposta al problema da parte dell’amministrazione. “Già se fosse il primo episodio – rincarano la dose – di questo tipo sarebbe un atteggiamento sbagliato, ma il fatto che non sia la prima volta che non vengono soddisfatte le nostre richieste rende la cosa ancor più grave. Forse pensavano di poter farci desistere, di prenderci per sfinimento ma, per quanto provati da questa ulteriore sfida, continueremo a insistere finché non avremo portato alla luce la verità, così come abbiamo sempre fatto finora”.

ARTICOLI CORRELATI