Mer. 22 Mag. 2024
HomeIn evidenzaComitato popolare contro il Comune: "Censura ingiusta"

Comitato popolare contro il Comune: “Censura ingiusta”

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – “Quando la politica è debole e chiusa in sé stessa e non sa rispondere sul terreno delle idee, se detiene il potere lo esercita in modo meschino e illiberale per zittire le altre voci. Ed è ciò che il Comune ha fatto, o meglio, chi lo regge, imponendoci di oscurare la nostra propaganda perché vi compare il simbolo della nostra comunità”. Comincia così la nota del Comitato Polare di Sesto San Giovanni, movimento politico che correrà alle prossime elezioni comunali e che vede Filippo Penati tra i suoi ideatori. Il Comitato Popolare critica la decisione del Comune che ha chiesto al movimento di togliere dai propri manifesti il logo della città.

“Appellandosi ad una legge dai dubbi contorni, che ha il sapore del ‘regio decreto’ di funesta memoria, ma il dato è tutto politico: il Comitato Popolare X Sesto ha onorato il simbolo della comunità municipale e, ligio alla legge non ne ha fatto il suo simbolo, ma solo un messaggio di unione e condivisione. Se questo, per qualcuno dell’amministrazione, è un reato noi lo rivendichiamo con orgoglio, proprio come un movimento popolare e dei lavoratori. Andar a cercare un pretestuoso cavillo para legale dimostra che la realtà del Comitato Popolare, delle sue componenti e dei suoi aderenti, adesso da fastidio e intimorisce ‘il manovratore’. È chiaro che in una politica paludata, che parla tutta la stessa lingua e persegue gli stessi obiettivi, una voce vera e fuori dal coro la si voglia zittire”.

“Centinaia e centinaia di sestesi sono venuti e verranno ai nostri gazebo per scegliere insieme il candidato sindaco e le priorità per Sesto, e questo fa saltare le linee sotterranee della politica cittadina. È questo tentativo di censura il peccato mortale, che oggi qualcuno in Comune vuol far passare come ‘reato’. Hanno fatto male i conti”, si legge ancora nella nota.

ARTICOLI CORRELATI