Mar. 06 Dic. 2022
HomeIn evidenzaRifondazione e Sesto Democratica fondano Sinistra Civica Sestese

Rifondazione e Sesto Democratica fondano Sinistra Civica Sestese

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Le elezioni della prossima primavera a Sesto San Giovanni sono ancora lontane. Ma da più parti i partiti si organizzano e lanciano la loro sfida. Lo fanno anche i partiti della più radicale Sinistra che dopo le liti e le scissioni degli ultimi anni tornano a immaginare un percorso congiunti. Rifondazione Comunista e Sestodemocratica, un piccolo gruppo di ex Pd che lo scorso anno era uscito dal partito democratico in aperta critica alla segreteria Renzi, hanno annunciato un percorso comune che avrà il nome di Sinistra Civica Sestese. Anche in questo caso i partiti rinunciano ai loro simboli ormai logori per puntare a un percorso civico, andando ad accrescere uno scenario che si preannuncia ricco di liste civiche vere e finte. Rifondazione Comunista è un partito presente nella maggioranza del sindaco Monica Chittò. Dunque c’è da presupporre che la nuova compagine “civica” proseguirà il cammino politico con l’attuale maggioranza.

“Le elezioni sono un importante appuntamento per la nostra città che ha di fronte a sé sfide decisive per il proprio futuro – scrivono in una nota i rappresentanti dei due gruppi politici – un appuntamento al quale non può mancare una presenza unitaria e civica della sinistra e di tutte quelle forze e quelle persone che giornalmente sono impegnate sul territorio dell’associazionismo e nel volontariato; per questo abbiamo deciso di metterci a disposizione della città aprendo un cantiere di discussione e di elaborazione di idee e di proposte al quale chiamiamo senza preclusioni chi ha a cuore il futuro di Sesto e si riconosce nei valori e negli orizzonti di una sinistra aperta e fortemente caratterizzata dallo spirito civico, per questo iniziamo lo scavo di questo cantiere e invitiamo le cittadine e i cittadini ad edificare assieme un progetto per la nostra città”.

I due gruppi hanno annunciato momenti di incontro in città (il primo sabato 22 ottobre in piazza Petazzi), e “momenti di approfondimento sui temi che oggi toccano e interessano il nostro territorio, il suo cambiamento e le sue prospettive”.

ARTICOLI CORRELATI