Ven. 03 Feb. 2023
HomeCronacaE' da 3 giorni in Italia, albanese fermato per lo scippo a...

E’ da 3 giorni in Italia, albanese fermato per lo scippo a una donna

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Torna l’allarme scippi a Sesto, ma questa volta è finito in manette lo scippatore che aveva derubato una donna della borsa mentre attraversava un giardino pubblico.

La vicenda è accaduta l’altra mattina in via Fratelli Bandiera. Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sesto San Giovanni hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un cittadino albanese, classe 1990, giunto da pochi giorni in Italia.

L’extracomunitario era insieme a un suo connazionale poi datosi alla fuga. I due ladri l’avevano seguita e quando gli sono arrivati alle spalle le hanno strappato la catenina dal collo e sono fuggiti a piedi. Alla scena hanno assistito alcuni testimoni che hanno allertato il 112. Sul posto sono giunte immediatamente diverse pattuglie di carabinieri che, dopo aver raccolto le dichiarazioni dei presenti, hanno iniziato a battere la zona. Nel giro di pochi minuti uno dei due scippatori è stato localizzato nei pressi della stazione metro di Rondò. Il suo abbigliamento coincideva perfettamente con quello che avevano indicato sia la vittima che una testimone. Il suo complice si è dileguato prima di poter essere acciuffato dalla pattuglia dell’aliquota radiomobile.

Lo straniero arrestato, appena visti i militari in uniforme, ha provato a darsi alla fuga ma è stato inseguito a piedi e bloccato da un carabiniere che gli è corso dietro. Ha opposto resistenza cercando di colpire il militare con calci e pugni. Le accuse contestate nei suoi confronti sono quella di concorso in furto con strappo e resistenza a pubblico ufficiale.

I successivi accertamenti hanno consentito di appurare che l’albanese era giunto in Italia da appena tre giorni; i Carabinieri di Sesto sono riusciti anche a risalire all’identità del suo complice, che è un connazionale della stessa età. Il fuggitivo è stato indagato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Monza.

ARTICOLI CORRELATI