Lun. 25 Ott. 2021
HomeEditorialeSe un consiglio comunale non sa esercitare il suo ruolo istituzionale

Se un consiglio comunale non sa esercitare il suo ruolo istituzionale

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – L’eterna disputa sulla partecipazione a Sesto San Giovanni continua a riservare sorprese e colpi di scena.

Il 21 aprile la Prefettura di Milano è tornata a scrivere al Comune di Sesto San Giovanni per chiedere notizie in merito al procedimento di aggiornamento dello Statuto Comunale. In più di 5 anni il consiglio comunale di Sesto San Giovanni non è stato ancora in grado di concludere il procedimento rendendo di fatto inapplicabili alcune delle cose contenute nello Statuto Comunale, prima fra tutte la regolamentazione di referendum comunali.

Questo il contenuto della lettera inviata dalla Prefettura e firmata dal Vice Prefetto: “Si fa riferimento a precorsa corrispondenza relativa alla segnalazione fatta pervenire dal sig. Dario Rinco, cittadino di Sesto San Giovanni, in merito ai quesiti referendari presentati da due comitati di cittadini il 12 maggio 2014. Il Sig. Rinco ha fatto presente che sebbene sia stato aggiornato lo Statuto Comunale, manchi tuttora il regolamento della partecipazione popolare e che, pertanto, l’Amministrazione non sarebbe ancora in grado di esprimersi sull’ammissibilità dei suddetti referendum”.

Il consiglio comunale che tanto si batte su questioni spesso di forma più che di sostanza, in cinque anni non ha trovato il tempo di completare questo procedimento. Evidentemente a chi gestisce il parlamentino questa forma di espressione democratica piace poco e preferisce fare melina e attendere la fine della legislatura. Come ricorda il sestese Dario Rinco, che da anni si batte per ottenere i referendum comunali, il ritardo della risposta del Comune alla Prefettura è ormai di 23 mesi. Probabilmente certi signori non lavorano per il bene della città.

ARTICOLI CORRELATI