Sab. 02 Mar. 2024
HomeCinisello BalsamoSalvini, benzinaio a Cinisello. Applausi e contestazioni (Gallery)

Salvini, benzinaio a Cinisello. Applausi e contestazioni (Gallery)

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Un pomeriggio da benzinaio per il segretario della Lega Matteo Salvini, che sabato pomeriggio, insieme a diversi militanti del suo movimento, ha distribuito benzina e gasolio al netto delle accise a un centinaio di automobilisti che si sono presentati in un distributore del gruppo Rete Italia di Cinisello Balsamo, in via Lincoln.

Più di un chilometri di coda e tanta pazienza per gli automobilisti che si sono cimentati in questa prova, pagando benzina e diesel cifre intorno a 0,45 euro al litro. Una aduna le auto sono sfilate nel benzinaio e hanno potuto fare 22 litri di benzina al costo di appena 10 euro.

Un appuntamento organizzato nell’ambito della tre giorni “di liberazione” che si è conclusa domenica in piazza Maggiore a Bologna. “Lo facciamo perchè lo Stato italiano ruba un euro per un litro di benzina”, ha spiegato Salvini rispondendo ai giornalisti prima e dopo aver partecipato anche lui al rifornimento delle auto. “Noi non promettiamo di toglierle subito tutte le accise quando saremo al Governo ma almeno qualcuna”, ha precisato a chi lo accusava di fare del populismo. “In Italia paghiamo i carburanti il 22% di più che nel resto d’Europa”.

Un volantino distribuito dai leghisti illustra tra l’altro l’elenco delle accise che gravano sul carburante a partire dal finanziamento della guerra d’Etiopia e per finire col terremoto in Emilia nel 2012.

Per tutto il tempo della presenza di Salvini al distributore, è andata in scena una contro manifestazione da parte dei gruppi della Sinistra di Cinisello e dei centri sociali di Milano. Una trentina di persone hanno cercato di invadere la stazione di servizio con striscioni e cartelloni contro Salvini, accusato di essere razzista e fascista. Un rumoroso scontro verbale fra i militanti della Lega e il gruppo di aderenti a centri sociali e comitati per la casa. Fra i due schieramenti si sono frapposte le forze dell’ordine che hanno impedito ogni scontro schierando uomini in tenuta anti-sommossa.

QUI LA GALLERY FOTOGRAFICA

ARTICOLI CORRELATI