Mar. 05 Dic. 2023
HomeCinisello BalsamoRave party nella ex Scolari di Cinisello: polemiche e disagi

Rave party nella ex Scolari di Cinisello: polemiche e disagi

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Qualcuno si dice esausto: “Non è possibile, siamo sempre più abbandonati a noi stessi”. Altri invece sono più comprensivi: “La mattina seguente qualcuno ha anche ripulito alcune bottiglie lasciate a terra”. Una sola è la certezza: i due rave party che si sono tenuti nel rione Robecco, a Cinisello Balsamo, si sono fatti sentire, hanno lasciato il segno e adesso anche uno strascico di polemiche.

A inizio ottobre e poi lo scorso weekend: qualche centinaio di giovani provenienti da mezza Italia si sono dati appuntamento on line e poi si sono radunati nel cortile della ex Scolari, fabbrica che si affaccia su viale Lombardia e ha l’ingresso da Amilcare Pizzi, proprio alle spalle dell’ex ditta ormai chiusa che si trova in via De Vizzi. Da sabato sera fino a domenica mezzogiorno la musica a rimbombato nelle casse: e poi alcool a fiumi e secondo alcuni residenti anche droga.

“Questa volta erano il doppio della scorsa”, hanno detto in molti. La presenza dei giovani non è passata inosservata. E dal Comune fanno sapere che “le autorità di pubblica sicurezza sono al corrente e continuano a monitorare la situazione dello stabile”. Trattasi di maifestazioni non autorizzate: “La Prefettura, interpellata dal Comune dopo il primo episodio, è a conoscenza dei fatti e ha emesso un’ordinanza per un costante controllo”, aggiungono ancora dagli uffici comunali. La proprietà dello stabile, un istituto di credito, contattata dal Comune ha sporto denuncia contro ignoti e sta ora effettuando nuovamente le operazioni di pulizia e ripristino delle chiusure della struttura.

Lo stesso stabile, nei mesi scorsi, era stato preso d’assalto dai nomadi che lo avevano occupato trasformandolo in un vero e proprio rifugio per qualche decina di persone. Le forze dell’ordine erano poi intervenute e avevano sgomberato l’area. “Non ne possiamo più”, tuonano i residenti che hanno le loro case a poche centinaia di metri di distanza.

 

ARTICOLI CORRELATI