Dom. 03 Lug. 2022
HomePoliticaTelecamere contro la criminalità. Sesto nel Cuore chiede che siano potenziate

Telecamere contro la criminalità. Sesto nel Cuore chiede che siano potenziate

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Lo avevamo preannunciato ieri, l’arresto dello scippatore, riconosciuto attraverso le immagini di telecamere private, avrebbe fatto deflagare la polemica sul tema della videosorveglianza della città, vecchia e inadeguata.

Puntuali sono arrivate le accuse nei confronti dell’amministrazione comunale e della maggioranza di centro sinistra che governa Sesto San Giovanni che lunedì scorso hanno bocciato una mozione sul tema della sicurezza  che tra le altre cose chiedeva proprio il potenziamento della videosorveglianza pubblica.

Ad attaccare la giunta e la maggioranza di centro sinistra è la Listica Civica Sesto nel Cuore, che aveva presentato la mozione poi bocciata:

Le immagini rese note dai giornali online sono terrificanti e chiare; lo scippatore, al quale sono state addebitate parecchie aggressioni in città, è stato arrestato ed identificato anche grazie alle immagini di telecamere di videosorveglianza collocate da privati hanno scritto i consiglieri comunali – Gianpaolo Caponi, Angela Tittaferrante e Marco Lanzoni – Il Sindaco, ora, ha il dovere preciso di attivarsi per elaborare un progetto di videosorveglianza da offrire a tutti i nostri concittadini. Detto episodio dovrebbe far riflettere tutti i consiglieri della maggioranza che, con l’avvallo del Sindaco e della Giunta, hanno votato contro ad una articolata e completa mozione presentata dalla lista civica Sesto Nel Cuore, e discussa con 19 mesi di ritardo nell’ultimo Consiglio Comunale di lunedì scorso, sul tema della sicurezza urbana e del contrasto alla microcriminalità. Non ci sono più scuse e basta atteggiamenti ipocriti dettati da interessi di partito; la città ha bisogno di risposte immediate”

ARTICOLI CORRELATI