Ven. 02 Dic. 2022
HomeAttualitàSesto in prima linea per l'accoglienza ai disabili per Expo

Sesto in prima linea per l’accoglienza ai disabili per Expo

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Servizi per i disabili in occasione di Expo. Questa mattina, in un incontro che si è svolto nel Municipio di Sesto, si è parlato di come trasformare Sesto e il Nordmilano in una destinazione accogliente per i turisti disabili che visiteranno Expo. L’assessore ai Servizi alla Persona Roberta Perego e l’assessore alle Attività produttive Virginia Montrasio, hanno incontrato albergatori, ristoratori, società di trasporti e gestori di negozi di alimentari per promuovere una filiera locale per l’accoglienza dei turisti disabili in vista dell’Esposizione Universale che si aprirà l’1 maggio.

“L’amministrazione comunale di Sesto San Giovanni è da tempo impegnata in azioni che rendano Expo un’opportunità per il territorio e nell’organizzare un progetto di accoglienza dei turisti, tanto che nello scorso mese di novembre si era già tenuto un incontro per creare una rete di partnership tra gli imprenditori sestesi su questo tema”, spiegano dal Comune.

Le iniziative sestesi potranno poi trovare spazio all’interno di Expofacile 2015, portale di informazioni, consulenza e accoglienza per turisti con disabilità e esigenze specifiche in visita a Milano e Expo, presentato oggi da Gabriele Favagrossa di Ledha, Lega per i diritti delle persone con disabilità. Il portale ha l’obiettivo di rendere più facile l’arrivo, la visita e il soggiorno per persone che hanno specifiche esigenze di mobilità, familiari, alimentari e aiutarle a scegliere i percorsi, i mezzi di trasporto, i negozi di alimentari e, più in generale, tutto quanto possa rendere la loro permanenza a Milano più facile e funzionale.

In questa occasione Luigi Vercellino della Fondazione La Pelucca ha annunciato che la struttura di via Campanella, in occasione di Expo, metterà a disposizione un appartamento destinati all’accoglienza di disabili e delle loro famiglie, potendo offrire anche l’assistenza sanitaria che eventualmente dovesse rendersi necessaria: un ulteriore segno dell’attenzione che la città di Sesto dedica da sempre al tema della disabilità.

 

ARTICOLI CORRELATI