Dom. 21 Lug. 2024
HomeCormanoCormano: Insulti in consiglio, ecco la replica del vicesindaco Vangelista

Cormano: Insulti in consiglio, ecco la replica del vicesindaco Vangelista

[textmarker color=”E63631″]CORMANO[/textmarker] – Lo tzunami che si è abbattuto sul consiglio comunale di Cormano prosegue. A seguito degli insulti indirizzati al consigliere Luigi Magistro, durante la seduta del 9 settembre, arrivano le repliche del vicesindaco Fabrizio Vangelista e del sindaco Tatiana Cocca.

Leggi anche: Insulti in consiglio: i microfoni registrano, sale la rabbia di Luigi Magistro

Ecco le loro dichiarazioni integrali.

Il vicesindaco Fabrizio Vangelista commenta:

“I fatti denunciati dal consigliere Magistro vanno inseriti nel contesto della serata del 9 settembre scorso, nella seduta del Consiglio Comunale. Occorre premettere che le frasi riportate sono state pronunciate a microfoni spenti, in uno scambio di battute riservate e quindi non pubbliche o dirette ad essere ascoltate da altre persone.
Era passata la mezzanotte, dopo una seduta dai toni esasperati e dove era ampiamente dilagata la stanchezza. Il sindaco fu interrotta con maleducazione dallo stesso Magistro, durante un intervento, impedendole di proseguire ed ingenerando ulteriore nervosismo. Il consigliere Magistro, in seguito, abbandonò l’aula, nonostante la mia richiesta di continuare il dialogo. Ritengo che non ci si possa scandalizzare per un paio di battute malriuscite in un clima surriscaldato dal forte dibattito politico. Specie quando da mesi, il sottoscritto è fatto oggetto di denigrazioni continue su Facebook. C’è un clima di incessante provocazione che sembrerebbe essere generato ad arte. I commenti possono diventare esasperati quando la situazione è esasperata.”

Il Sindaco Tatiana Cocca dichiara:

“Non è la prima volta che accadono fatti riconducibili ad un inasprimento del dibattito politico. Come Sindaco intendo stigmatizzare i toni esasperati che qualcuno tenterebbe di creare ogni volta che si svolge un consiglio comunale. Gli stessi che oggi si dimostrano indignati, sono i primi che su Facebook hanno adottato da tempo una strategia denigratoria.”

ARTICOLI CORRELATI