Mar. 05 Lug. 2022
HomeCusano MilaninoConvenzione sicurezza, arriva la replica di Lorenzo Gaiani

Convenzione sicurezza, arriva la replica di Lorenzo Gaiani

[textmarker color=”E63631″]CUSANO MILANINO[/textmarker] – “La Regione ha dimezzato il budget richiesto, che da 199mila euro si è ridotto a 100mila, abbiamo così dovuto fare delle rinunce”. Lorenzo Gaiani, sindaco di Cusano Milanino, non si scompone di fronte al disappunto della minoranza del consiglio e della polemica nata in materia di sicurezza urbana ma prova invece a dare spiegazioni. “Il contenitore non è vuoto, è vero che in luglio abbiamo avanzato tutta una serie di richieste, compreso il vecchio progetto di video sorveglianza ma poi sono cambiate un po’ di cose – precisa il primo cittadino -, Cormano è diventato il capofila del progetto, il budget, come detto, è stato ridotto e la scadenza del bando era imminente. Personalmente poi non sono troppo favorevole ai sistemi di videosorveglianza, preferisco la sicurezza attiva, fatta dalla vigilanza delle forze dell’ordine, di presenza sul territorio”.

La parte di finanziamento in arrivo a Cusano, sarà adoperata per l’acquisto di una nuova vettura per la Pl, dotata di un attrezzatura che permetterà l’immediata identificazione delle auto, sia in sosta che in movimento.

Parlando poi della precedente convenzione Gaiani, vuole essere ottimista. “E’ vero che il vecchio accordo non diede grandi frutti – commenta -, ma va anche detto che non ebbe molto tempo, siglato nel 2006, fu smantellato dalla Giunta Ghisellini. Penso invece che soprattutto in ottica della Città Metropolitana i comuni, specie nel Nordmilano debbano interagire sempre più”.

Venendo all’accordo nel dettaglio, i tre comandanti hanno già iniziato a sentirsi per studiare il da farsi, dopo le necessarie verifiche e il passaggio nelle tre giunte, il progetto potrà partire, con tutta probabilità dalla prossima primavera.

Chiudendo sulla questione scatenatasi in consiglio comunale, Gaiani vuole però levarsi un sassolino dalla scarpa. “Io mi sono astenuto dalla votazione per il ruolo istituzionale, ritengo di dover essere il sindaco di tutti – commenta -, ben vengano le osservazioni dei Cinque Stelle, che sono una forza nuova nel Consiglio Comunale, comprendo meno quelle delle forze politiche che hanno già governato e smantellato tutti i progetti di cooperazione con gli altri comuni”.

ARTICOLI CORRELATI