Lun. 22 Apr. 2024
HomeCronacaBrucia tetto in via Risorgimento, quindici persone sfollate

Brucia tetto in via Risorgimento, quindici persone sfollate

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI [/textmarker]- Una quindicina di persone sfollate, tra cui un paio di famiglie che potrebbero non fare ritorno a casa per molti giorni. E’ questo il bilancio dell’incendio che ha bruciato il tetto di un palazzo di tre piani in via Risorgimento 53. Le prime scintille, stando a una prima, sommaria ricostruzione, si sarebbero originate dalla canna fumaria della pizzeria-kebab che si trova nella via.

incendio tetto sesto

Le fiamme si sono alzate come se il palazzo fosse una torcia poco dopo le 22 di sabato sera. Dal balcone di fronte, alcuni residenti hanno visto il fumo levarsi dal tetto e hanno dato l’allarme. Sul posto sono arrivati due autopompe e un’autoscala dei vigili del fuoco che hanno evacuato subito lo stabile e si sono messi al lavoro. Intanto, a dare man forte, si sono aggiunti i carabinieri e i paramedici del 118 con un’ambulanza di precauzione. Nessuno è rimasto ferito, solo tanto spavento e molti disagi. Un pappagallino è morto per il fumo inalato mentre si trovava nella gabbia.

Sono giunti in via Risorgimento anche gli agenti di polizia locale, per gestire la concitazione del momento e chiudere la strada, che è rimasta bloccata fino al mattino.

incendio tetto sesto

Il fuoco è stato spento in circa mezz’ora ma poi per tutta la notte i vigili del fuoco si sono dati il cambio per smassare le macerie e per la  messa in sicurezza. Tre appartamenti sono stati dichiarati non agibili. Di questi, la mansarda al terzo piano ha subito i danni peggiori. Altri tre appartamenti al secondo piano sono stati comunque evacuati per stanotte, come cautela date le grandi quantità di acqua riversate sul piano.

Delle 6 famiglie che hanno dovuto trovare una soluzione per la notte, alcune hanno ricevuto ospitalità da parenti o amici. Quattro persone, tre donne e un uomo, sono state fatte dormire alla casa albergo di via Fogagnolo.

La canna fumaria che potrebbe essere all’origine dell’incendio è risultata certificata. Tuttavia pare che già nei giorni scorsi fossero state rilevate delle anomalie. Alcuni residenti hanno detto di aver visto delle scintille il giorno prima, mentre altri avrebbero senti degli scricchiolii che, col senno di poi, preannunciavano l’incendio.

incendio tetto sesto incendio tetto sesto

incendio tetto sestoGUARDA LA FOTOGALLERY

ARTICOLI CORRELATI