Lun. 04 Mar. 2024
HomeAttualitàTempi troppo stretti la Stramilanino non si farà

Tempi troppo stretti la Stramilanino non si farà

[textmarker color=”E63631″]CUSANO MILANINO[/textmarker] – Via libera arrivato troppo tardi. L’11 maggio non ci sarà nessuna corsa. Per la prima volta dopo 18 anni, la Stramilanino non si farà.

La tradizionale corsa non competitiva che colora le strade di Cusano e avrebbe fatto indossare le scarpe da tennis a oltre mille bambini (nel 2013 i partecipanti erano stati 1300) per quest’anno salta.

L’ha deciso il Comitato genitori, pur dopo mesi di lavori e trattative con l’amministrazione. La motivazione è che non ci sono i tempi tecnici. Nonostante la data fosse stata decisa a settembre, denunciano gli organizzatori, il via libera del Comune è arrivato solo il primo aprile.

Troppo tardi secondo i genitori per portare a termine tutto quello che c’è da fare, tenendo conto che ci sono anche le vacanze di Pasqua in mezzo.

“Bisogna chiedere le autorizzazioni Asl per il punto ristoro, stampare 1.300 pettorine, acquistare le magliette, i premi — spiega una delle organizzatrici, Sabrina Scandelli, al quotidiano il Giorno —. Uno degli aspetti educativi della Stramilanino consiste nel coinvolgere i ragazzini delle medie: eleggono i loro rappresentanti, gestiscono da soli iscrizioni e soldi. Insomma, in un mese non ce l’avremmo fatta, preferiamo rinunciare”.

L’inghippo che ha portato a questo risultato, sarebbe avvenuto sul tema sicurezza. Il Comitato aveva chiesto al Comune di avere un blocco itinerante del traffico di un’ora al massimo, ma la risposta è stata negativa. La motivazione è stata che un blocco avrebbe comportato troppo impatto sul traffico, anche se si tratta della domenica mattina. L’altra questione chiamata in causa sarebbe quella degli straordinari dei vigili, bloccati a causa della lotta sindacale dei dipendenti comunali. Solo recentemente il Comune avrebbe appreso che il blocco finisce il 27 aprile. Da qui il via libera sulla messa in campo di 12 vigili in supporto alla corsa.

Ma oramai era troppo tardi.

ARTICOLI CORRELATI