Dom. 21 Lug. 2024
HomeIn punta di sellinoPogačar, prove tecniche di Cannibale

Pogačar, prove tecniche di Cannibale

Al Tour de France, sul Galibier, lo sloveno ha inferto un colpo durissimo agli avversari

Ieri sul Galibier ha staccato tutti. Tadej Pogačar si è ripreso la maglia gialla, ha inferto un duro colpo al rivale Vingegaard e ha fatto intendere di avere la stessa forma del Giro. Il Tour è tutt’altra cosa, d’accordo, ma i fuochi pirotecnici nell’ultima parte dell’ascesa sono stati uno degli spettacoli più belli visti da un po’ di anni a questa parte nel mondo del ciclismo. Per capire quanto sia andato forte lo sloveno sul Galibier è sufficiente un dato: ha letteralmente sbriciolato il record del versante affrontato, detenuto da Quintana, abbassandolo di un minuto e mezzo.

Un Cannibale in bicicletta

Lo sloveno ha domato la salita con una media di 27,1 km/h, che rappresenta un tempo di 50’47”, più veloce dello Strava GPM stabilito da Thibaut Pinot durante il Tour 2019 (52’46”). Dalla sua Pogačar ha anche una squadra fortissima che controlla la fughe di giornata,  detta il ritmo in salita, squaglia gli avversari più temibili prima della sua stoccata micidiale. Onore, quindi, ai vari Almeida, Yates e Ajuso che sono la vera arma letale dello sloveno. Vingegaard ieri ha perso la battaglia, ma non la guerra ed è stato l’unico a dimostrarsi all’altezza della maglia gialla. Tiene il colpo Evenepoel, che sconta decisamente i suoi fantasmi in discesa, paga dazio Roglic, affonda Carapaz, sopravvive il nostro pur bravo Ciccone giunto a 2.41 dal vincitore di giornata. In grande difficoltà gli aiutanti di Roglic, Vlasov e Hindley.

Come Bartali

Cannibale
La maglia gialla conquistata da Gino Bartali al Tour del 1948. Il prezioso cimelio è conservato al Museo del Ghisallo.

Con l’affermazione di ieri Pogačar ha agguantato la vittoria numero 15 in 35 giorni di corsa, la numero 12 al Tour, la numero 78 in carriera. Lo sloveno colleziona la sua ventitreesima maglia gialla. Eguaglia così il record di Gino Bartali. E ora guarda al record di Jonas Vingegaard: 27 Maillots Jaunes.

Ordine d’arrivo

1 POGACAR Tadej UAE TEAM EMIRATES 3h46’38”
2 EVENEPOEL Remco SOUDAL QUICK-STEP 35″
3 AYUSO Juan UAE TEAM EMIRATES 35″
4 ROGLIC Primoz RED BULL-BORA-HANSGROHE 35″
5 VINGEGAARD Jonas TEAM VISMA | LEASE A BIKE 37″
6 RODRIGUEZ Carlos INEOS GRENADIERS 37″
7 LANDA Mikel SOUDAL QUICK-STEP 53″
8 ALMEIDA Joao UAE TEAM EMIRATES 53″
9 CICCONE Giulio LIDL-TREK 2’41”
10 BUITRAGO Santiago BAHRAIN VICTORIOUS 2’41”

Classifica generale

1 POGACAR Tadej UAE TEAM EMIRATES 19h06’38”
2 EVENEPOEL Remco SOUDAL QUICK-STEP 45″
3 VINGEGAARD Jonas TEAM VISMA | LEASE A BIKE 50″
4 AYUSO Juan UAE TEAM EMIRATES 1’10”
5 ROGLIC Primoz RED BULL-BORA-HANSGROHE 1’14”
6 RODRIGUEZ Carlos INEOS GRENADIERS 1’16”
7 LANDA Mikel SOUDAL QUICK-STEP 1’32”
8 ALMEIDA Joao UAE TEAM EMIRATES 1’32”
9 CICCONE Giulio LIDL-TREK 3’20”
10 BERNAL Egan INEOS GRENADIERS 3’21”

 

 

ARTICOLI CORRELATI