Mar. 18 Giu. 2024
HomeBreaking NewsCinisello Balsamo, un presidio contro l'antenna di viale Fulvio Testi

Cinisello Balsamo, un presidio contro l’antenna di viale Fulvio Testi

Un’antenna che fa molto discutere, ritenuta pericolosa dai cittadini di via Fulvio Testi 176. Le proteste sono iniziate a inizio maggio quando si è riunito un presidio per segnalare il problema all’interno di un condominio della zona: un’antenna, ritenuta dagli abitanti abusiva, installata sul tetto dello stesso. Una vicenda  che è presto diventata anche di natura politica, con gli interventi, in particolare, di Gaetano Petronio, Avs Cinisello e segretario di Sinistra Italiana Cinisello Balsamo e Francesco Casarolli, segretario Europa Verde Cinisello Balsamo. La vicenda, alquanto complessa e ancora non risolta, continua a preoccupare gli abitanti della zona e domani mercoledì 15 maggio, alle ore 18.15, è stato convocato un presidio per chiedere al Comune di Cinisello Balsamo ulteriori risposte sulla questione.

“A quanto pare la Giunta sembra sottovalutare questa vicenda. – è l’affondo recente di Gaetano Petronio, AVS Cinisello e segretario di Sinistra Italiana Cinisello Balsamo, e Francesco Casarolli, segretario Europa Verde Cinisello Balsamo – Qui è in gioco la sicurezza di tutto il quartiere, degli automobilisti e dei passanti di viale Fulvio Testi e di tutta la città. Non si può tergiversare. Chiediamo quanto prima di essere auditi in Consiglio Comunale. I cittadini meritano un Sindaco che li ascolti”.-

Dal 6 aprile 2022 il condominio del civico 176 di questa importante arteria che collega a Milano, ha risolto il contratto di locazione del tetto con l’azienda RF Com, proprietaria di un traliccio abusivo alto circa 23 metri che – secondo quanto affermano i manifestanti –  non rispetta alcuna legislazione in materia di sicurezza sul lavoro. Proprio per questo motivo, l’impresa che non è in grado di fornire le certificazioni di sicurezza all’amministrazione di condominio che ne aveva chiesto esplicitamente la consegna. Da qui, tramite una specifica clausola presente nel testo, i condomini hanno deciso di risolvere il contratto.

La risposta dell’amministrazione

Nei giorni scorsi non si era fatta attendere la replica dell’amministrazione comunale che ha spiegato quanto è stato fatto nell’ultimo periodo: “Il maxi traliccio posizionato sul tetto del palazzo è presente da decenni, il cui posizionamento ha consentito allo stesso condominio di percepire risorse economiche. Il Comune di Cinisello Balsamo, in primis, ha espresso formalmente diniego al permesso di costruzione in sanatoria, in relazione alla mancanza del titolo di proprietà e di autorizzazione del condominio, che nell’aprile del 2022 ha deciso la rescissione del contratto. A seguito di impugnazione al Tar, quest’ultimo ha sentenziato che il Comune deve verificare la pratica anche senza l’autorizzazione del condominio. Di conseguenza verrà valutato giuridicamente se il premesso di costruzione in sanatoria è rilasciabile o meno. Ciò nonostante il Comune ha emesso una ordinanza di messa in sicurezza del traliccio indirizzata sia al condominio sia alla società, data la presenza di diversi contenziosi. Ordinanza che è stata appellata, anche e in particolare dallo stesso condominio. L’amministrazione comunale ha posto in essere tutte le azioni limitatamente alle proprie competenze. Proprietà e società, a diverso titolo, di fatto, risultano detentori e comunque titolari in merito alla situazione in atto”.

 

ARTICOLI CORRELATI