Lun. 20 Mag. 2024
HomeAttualitàConfronto tra Nasdaq 100 e S&P 500: cose scegliere per Investire nei...

Confronto tra Nasdaq 100 e S&P 500: cose scegliere per Investire nei Mercati Azionari USA?

Investire nei mercati azionari statunitensi attraverso i fondi comuni di investimento spesso comporta il confronto tra due importanti indici di riferimento: il Nasdaq 100 e lo S&P 500. Anche i fondi passivi offerti dai fondi comuni di investimento indiani seguono uno di questi due indici. Questo perché il Nasdaq 100 e lo S&P 500 sono tra i più vecchi e seguiti benchmark dei mercati azionari statunitensi.

Il Nasdaq 100 e lo S&P 500 sono entrambi popolari indici fortemente ponderati sulle grandi capitalizzazioni, e si possono trovare nomi simili tra i primi titoli detenuti. Tuttavia, allo stesso tempo, sono piuttosto differenti l’uno dall’altro in termini di numero di aziende seguite, delle loro ponderazioni e dell’allocazione settoriale. Questo ha comportato differenze nelle performance dei due indici in vari periodi. Pertanto, se stai cercando di investire in fondi che seguono questi indici, sarà utile capire la costruzione di questi indici.

In questo articolo, spiegheremo cosa otterrai se scegli di investire in fondi che seguono il Nasdaq 100 o lo S&P 500 e come differiscono in termini di performance e portafoglio. Questo ti aiuterà a selezionare il fondo che si adatta al tuo profilo di rischio e rendimento.

Cos’è l’indice S&P 500?

Lanciato nel 1957, lo S&P 500 è uno dei più vecchi indici degli Stati Uniti. L’indice è composto dalle azioni delle 500 più grandi aziende statunitensi quotate. Queste aziende rappresentano insieme più dell’80% della capitalizzazione di mercato totale (azioni totali di un’azienda moltiplicate per il numero di azioni) delle aziende quotate alla borsa statunitense. Pertanto, l’indice S&P 500 può essere considerato un ampio indicatore dei mercati azionari statunitensi.

Il peso delle aziende che fanno parte dell’indice si basa sulle loro capitalizzazioni di mercato. Maggiore è la capitalizzazione di mercato, maggiore è il peso del titolo nell’indice. La capitalizzazione di mercato delle azioni è calcolata moltiplicando il numero di azioni disponibili per il commercio sulla borsa di valore dal prezzo delle azioni dell’azienda. Oltre alla capitalizzazione di mercato, ci sono altri criteri per la selezione delle azioni come percentuale di azioni disponibili per il trading pubblico, crescita degli utili, volumi di scambio (prezzo delle azioni moltiplicato per il numero di azioni scambiate), ecc. È anche garantito che il bilanciamento settoriale sia in linea con la capitalizzazione di mercato complessiva delle aziende quotate sulla borsa in modo che nessun settore abbia un peso sproporzionatamente alto nell’indice.

Anche se i primi titoli includono giganti del settore tecnologico come Apple e Microsoft, l’allocazione al settore combinato è inferiore al 30%. Le aziende dei tre settori principali insieme rappresentano circa il 53% del portafoglio dell’indice, cifra nettamente inferiore rispetto al Nasdaq 100.

US tech 100, cosa è?

Il US Tech 100, anche conosciuto come Nasdaq 100, è un indice azionario che comprende le 100 principali società non finanziarie quotate sul Nasdaq Stock Market. Questo indice è ampiamente seguito e rappresenta un’importante misura delle prestazioni del settore tecnologico e dell’innovazione negli Stati Uniti. Le società incluse nell’US Tech 100 sono spesso leader nel campo della tecnologia, dell’e-commerce, delle telecomunicazioni e dell’innovazione, tra cui nomi noti come Apple, Microsoft, Amazon, Alphabet (Google), Facebook e Tesla. L’US Tech 100 è caratterizzato da una forte volatilità a causa della natura dinamica e in rapida evoluzione delle società tecnologiche, ma offre anche opportunità di crescita significative per gli investitori interessati al settore tecnologico.

Investire negli indici offre diversi vantaggi per gli investitori:

  1. Diversificazione: gli indici rappresentano un paniere di azioni di diverse società, settori e mercati. Questa diversificazione riduce il rischio associato a investire in singole azioni, poiché eventuali perdite in una società possono essere compensate dai guadagni in altre.
  2. Bassi costi: investire negli indici spesso comporta costi inferiori rispetto all’acquisto di singole azioni. Le commissioni di gestione dei fondi indicizzati tendono ad essere basse, soprattutto rispetto ai fondi attivamente gestiti.
  3. Trasparenza: gli indici sono solitamente basati su regole trasparenti e pubbliche. Gli investitori possono facilmente conoscere quali azioni sono incluse nell’indice e come vengono selezionate e ponderate.
  4. Esposizione al mercato: gli indici offrono agli investitori l’opportunità di ottenere un’esposizione generale al mercato azionario o a specifici settori o regioni senza dover selezionare singole azioni. Ciò è particolarmente utile per gli investitori che desiderano una strategia di investimento a lungo termine o che non hanno il tempo o le risorse per analizzare e monitorare costantemente i mercati.
  5. Performance storica: gli indici hanno dimostrato nel tempo di produrre rendimenti solidi e costanti, soprattutto su periodi di lungo termine. Investire in indici può quindi offrire agli investitori una base solida per la crescita del patrimonio nel tempo.

Complessivamente, investire negli indici è un’opzione popolare e conveniente per gli investitori che cercano di ottenere esposizione ai mercati finanziari con un rischio ridotto e costi contenuti.

 

ARTICOLI CORRELATI