Dom. 26 Mag. 2024
HomeAttualitàCome fare per vivere al meglio da studente a Milano

Come fare per vivere al meglio da studente a Milano

Studiare in un’università a Milano è una grandissima opportunità per i giovani che hanno intenzione di svolgere un percorso accademico brillante e tuffarsi nel mondo del lavoro. Il capoluogo lombardo, infatti, vanta nel suo territorio istituti che rientrano tra le migliori università d’Europa, il che spinge tantissimi studenti, sia stranieri che italiani, a trasferirsi lì.

Tuttavia, vivere a Milano non è semplice, specie per chi si trova ancora all’università e deve fare i conti con le bollette, gli affitti Milano da studenti e i costi legati allo studio in generale.

Scegliere l’alloggio giusto

Il primo consiglio per vivere da studente a Milano è quello di trovare l’alloggio giusto, ovvero quello capace di coniugare le esigenze personali e il budget a disposizione.

Come prima cosa, è necessario considerare che gli affitti Milano per studenti sono in genere più cari rispetto a quelli di altre città, pertanto potrebbe essere utile valutare diverse soluzioni, ad esempio un alloggio condiviso. Per tale ragione, un suggerimento utile è quello di cercare  stanze a Milano su Dovevivo o altre piattaforme simili, per individuare l’alloggio più adeguato alle proprie esigenze.

Ad ogni modo, sono molteplici i fattori da tenere in considerazione. Come prima cosa, è preferibile trovare alloggi nei pressi della facoltà scelta, per risparmiare tempo prezioso e raggiungere comodamente le aule.

È altrettanto importante il collegamento con il trasporto pubblico, specialmente se non si dispone di un mezzo di trasporto proprio, e la zona in cui si trova l’alloggio. I quartieri più indicati per gli studenti sono quelli tranquilli con diversi servizi a portata di mano, come farmacie e supermercati. Infine, è fondamentale valutare l’ambiente complessivamente, le dimensioni e gli arredi.

Risparmiare sui generi alimentari

Come detto in precedenza, gli affitti Milano per studenti sono piuttosto elevati, per questo bisogna cercare di tagliare altre spese, come quella destinata al cibo. Per far ciò, è bene prestare attenzione alle offerte e utilizzare i programmi di sconto o raccolta punti, specialmente per i punti vendita vicino casa.

In genere, gli studenti preferiscono evitare di mangiare fuori di frequente, al fine di contenere le spese; tuttavia, in alcuni casi la mensa universitaria o i locali convenzionati offrono dei menù a prezzo ridotto che potrebbero rivelarsi più convenienti di un pasto preparato a casa.

Un altro metodo intelligente per razionalizzare le spese è pianificare i pasti in anticipo, mentre se si condivide l’appartamento con altre persone è meglio cucinare collettivamente così da suddividere le spese e le preparazioni. Questo momento di condivisione può aiutare anche a socializzare e stringere legami.

Imparare a cavarsela da soli

Visto che Milano è una delle città più costose d’Italia è importante imparare a cavarsela da soli in ogni circostanza e risolvere in autonomia le problematiche quotidiane.

Se proprio non si riesce a fare a meno di un professionista qualificato (come ad esempio un idraulico, un elettricista, etc.) è importante saper distinguere quali sono le spese che gravano sul proprietario dell’immobile nel quale ci si trova, dalle spese che, viceversa, sono a carico dell’inquilino.

L’art. 1576 c.c. stabilisce, come criterio generale, che il locatore (ovvero il proprietario) deve eseguire tutte le riparazioni necessarie a eccezione di quelle di piccola manutenzione le quali, invece, sono a carico esclusivo del conduttore.

 

ARTICOLI CORRELATI