Sab. 22 Giu. 2024
HomeAppuntamentiSesto San Giovanni, una settimana di festa itinerante per celebrare il patrono...

Sesto San Giovanni, una settimana di festa itinerante per celebrare il patrono della città

Focus sulle iniziative culturali: dal tributo a Manzoni con il musical “Gli sposi promessi show”, al "Boulevard delle Ville" passeggiata tra le dimore storiche della città. Ma anche l'inserimento di piazza Trento Trieste come location delle iniziative. Nisco: "Piazza critica, la cultura come strumento per portare legalità"

Una festa itinerante che toccherà i quartieri della città dove protagoniste saranno le piazze, pronte ad ospitare la settimana di eventi per celebrare il Santo patrono di Sesto. L’edizione 2023 della Festa di San Giovanni ritorna alla versione originale 2018 grazie alla rinnovata collaborazione tra l’Amministrazione e l’associazione Sesto Proloco, organizzatori dell’evento, e sarà caratterizzata da un ricchissimo palinsesto di iniziative che coinvolgeranno la città a partire dal 19 giugno per poi culminare nella grande giornata di festa del 25 giugno.

Musica, danza, giochi e bancarelle animeranno la città, ma saranno le iniziative culturali il cavallo di battaglia di questa edizione che promette di non deludere le aspettative: “Abbiamo scelto quest’impostazione perché desideriamo che i festeggiamenti possano coinvolgere tutti i quartieri della città con un’ampia partecipazione dei cittadini – spiega il vicesindaco Alessandra Aiosa -. Riproponiamo la versione pensata nel 2018 introducendo però alcune novità, come la tappa in piazza Trento Trieste e la fiera con bancarelle di pregio in viale Casiraghi, ma soprattutto abbiamo voluto dare una connotazione culturale all’edizione di quest’anno che ha visto il fondamentale contributo di Sesto Proloco con un’organizzazione che, come sempre, va oltre l’eccellente”.

Ad aprire la settimana di festeggiamenti per celebrare il Santo patrono sarà il momento di preghiera interreligiosa per la Città, in programma lunedì 19 giugno alle ore 18.45 alla Rondinella nella piazza antistante la Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice, preludio al discorso alla Città che verrà pronunciato dal Decano durante la S. Messa del 23 giugno nella Chiesa di San Giovanni Battista di via Fogagnolo. Alle ore 21 seguirà il concerto della Filarmonica Paganelli. Il giorno seguente, martedì 20 giugno, debutta piazza Trento Trieste come location per l’esibizione della Marino band, alle ore 17.00, che inviterà a danzare sulle note del liscio per poi lasciare il palco a Matilda e la Syndrome con musica e cabaret a partire dalle 21.00. Una scelta, quella di introdurre piazza Trento Trieste, con uno scopo ben preciso: “Vogliamo testimoniare l’impegno che abbiamo preso con i cittadini di non abbandonare o lasciare indietro nessuna zona della città – aggiunge l’assessore alla Cultura, Luca Nisco -. È una piazza critica sulla quale stiamo lavorando tanto e crediamo fortemente che la cultura sia un mezzo di intervento per favorirne una sana vivibilità”.

Il tributo ai Promessi Sposi

Nel 150esimo anniversario della morte di Alessandro Manzoni non poteva mancare il tributo della città all’autore reso celebre dal romanzo I Promessi Sposi, opera che verrà riproposta sottoforma di musical mercoledì 21 giugno in piazza don Mapelli, alle ore 21, dopo le note blues dei Kinds of blue che si esibiranno alle 15. Il musical “Gli sposi promessi show”, presentato a maggio nell’ambito di uno showcase all’auditorium Gaber di Palazzo Pirelli, reinterpreta il romanzo attraverso un mix di danza, letteratura e prosa con l’obiettivo di raggiungere i più giovani avvicinandoli alla letteratura.

Giovedì 22 giugno un altro appuntamento culturale, questa volta a Villa Mylius, che ospiterà la presentazione del libro “L’unicorno triste” di Davide Pavan alle ore 18.30. Arte e danza a partire dalle 20 con Giusy Mosca e Svea Davì in piazza Oldrini per lo spettacolo “Sesto in…Canto”. Venerdì 23 giugno il palco mobile si sposterà alla Bergamella in piazza della Chiesa con il primo appuntamento alle 18.30 “Mi chiamo Callas: Maria Callas” di Core’s Band Academy per poi passare, alle 22.15, all’esibizione della Jovanotti Tribute Band con Gimme 5. Alle 21 la S. Messa con il discorso alla Città nella chiesa di San Giovanni Battista in via Fogagnolo.

Gran finale in piazza Petazzi

Nel weekend gli appuntamenti interesseranno l’intera giornata in un crescendo di iniziative. Sabato 24 giugno, alle 10, la premiazione del Sesto d’Oro in Comune nella sala consiliare. Nell’arco della mattinata, a partire dalle 8 e fino alle 12.30, sarà possibile donare il sangue presso lo stand di Avis in piazza Oldrini. In serata, alle 19.30, la neo inaugurata piazza Petazzi ospiterà il Dj set con musica anni ’50 per poi passare all’esibizione della Pooh Tribute Band con “Il colore dei pensieri”. Gran finale domenica 25 giugno con i “cinquini rombanti” che sfileranno in piazza Petazzi in mattinata prima di accendere i motori e dirigersi lungo le vie della città. Le Fiat 500 d’epoca, dopo la tappa Campari, faranno un passaggio alla Rsa di via Boccaccio, appuntamento molto atteso dagli ospiti della struttura. Contemporaneamente lungo viale Casiraghi sarà possibile visitare l’ampio ventaglio di proposte delle bancarelle. Nella stessa giornata debutterà l’iniziativa “Boulevard delle Ville”, una passeggiata culturale guidata – previa prenotazione entro il 23 giugno (passeggiataville@sestosg.net) alla scoperta della storia e dei segreti delle dimore storiche sestesi, da Villa Puricelli Guerra, Visconti d’Aragona, fino a Zorn e Mylius, con l’accompagnamento musicale della Raffaele Kohler Marching Band. “Iniziativa – spiega l’assessore Nisco – che vuole anche essere un momento di test per verificare la possibilità di metterla a regime per favorire una maggiore conoscenza delle dimore storiche cittadine”. Sempre nel pomeriggio, nei giardini di Villa Zorn, saranno organizzati i giochi per bambini a cura di Dado d’Oro. In via Fratelli di Dio la conclusione dei festeggiamenti, con la festa della birra, stand gastronomici, musica live e Dj set per poi chiudere col botto: i fuochi d’artificio venti minuti prima della mezzanotte.

Un palinsesto ricco ed impegnativo che ha richiesto alcuni mesi per essere elaborato e messo a punto, come sottolineato dal presidente di Sesto Proloco, Savino Bonfanti, reso possibile dalla collaborazione sinergica tra l’associazione e gli uffici comunali e le tante realtà che si sono spese per far funzionare una macchina così complessa, in primis i 14 sponsor dell’iniziativa. Non ultimo il grande lavoro organizzativo e di gestione degli eventi che vedrà la chiusura di alcune vie o tratti di strada per poter posizionare il palco mobile laddove, come piazza Petazzi, non potrà essere collocato. “Protagonisti da sempre sono i volontari”, conclude Gabriele Corsani, consigliere di Sesto Proloco. Protezione Civile, Associazione Nazionale Carabinieri, Bersaglieri e Gev, oltre ad occuparsi di posizionare in media 350 posti a sedere a serata, saranno i custodi dell’ordine per garantire il migliore svolgimento di tutta la manifestazione.

Micol Mulè

ARTICOLI CORRELATI