Mar. 27 Set. 2022
HomeBreaking NewsSesto San Giovanni, M5S sostiene Foggetta, Coccetti: "Dispiaciuto per gli elettori traditi...

Sesto San Giovanni, M5S sostiene Foggetta, Coccetti: “Dispiaciuto per gli elettori traditi dai loro vertici”

I pentastellati hanno motivato la scelta di appoggiare Foggetta, vincitore alle primarie della coalizione della scorsa domenica con 638 preferenze, perché ha “garantito il suo impegno ad essere il candidato sindaco di tutta la coalizione, con equilibrio ed equivicinanza rispetto alle istanze di tutte le forze politiche e civiche che lo affiancheranno e sosterranno la coalizione”

Dopo l’annuncio del Movimento 5 Stelle di Sesto San Giovanni di sostenere il candidato sindaco della coalizione progressista, Michele Foggetta, alle prossime amministrative del 12 giugno, è arrivato il commento di Davide Coccetti, segretario cittadino della Lista Di Stefano Sindaco, nonché assessore alle Politiche del lavoro.

Michele Foggetta

“Dispiace per gli elettori grillini che per l’ennesima volta sono stati traditi dai loro vertici – spiega in una nota – visto e considerato che lo stesso Foggetta li aveva definiti incapaci, idioti, fenomeni da baraccone. Aveva detto senza mezzi termini che il Movimento è una pagliacciata sostenuta da una base di qualunquisti e guidata da vigliacchi arrivisti. Aveva dato a Di Maio dell’incapace, a Grillo del fenomeno da baraccone, a Fico del grillo parlante. Forse un po’ troppi complimenti? Davvero difficile avere una stima più grande di questa!”.

E incalza: “Chissà cosa si inventeranno ora i 5 Stelle per cercare di far mangiare la foglia ai loro elettori: magari proveranno a fargli credere che il Michele Foggetta che li insultava era solo un omonimo dell’attuale candidato. Sembra di essere su Scherzi a parte, invece è la coalizione che si definisce progressista”. Quanto a credibilità aggiunge: “È come gli asini che volano: semplicemente, non esiste. Ma contenti loro contenti tutti: certo è che questo quadretto poco edificante ci rende benissimo l’idea di un’accozzaglia senza capo né coda che prova a convivere, nonostante pesanti insulti e attacchi, pur di non scomparire del tutto”.

Le ragioni dei pentastellati: “Foggetta ha garantito il suo impegno a essere il candidato sindaco di tutta la coalizione”

Dal canto loro i pentastellati hanno motivato la scelta di appoggiare Foggetta, vincitore alle primarie della coalizione della scorsa domenica con 638 preferenze, perché ha “garantito il suo impegno ad essere il candidato sindaco di tutta la coalizione, con equilibrio ed equivicinanza rispetto alle istanze di tutte le forze politiche e civiche che lo affiancheranno e sosterranno la coalizione”. Una decisione che arriva a seguito di un confronto diretto con il candidato sindaco nel quale è stato confermato l’impegno a realizzare il programma comune definito nei tavoli di lavoro che si sono svolti in questi mesi sotto il nome di #ReinentiamoSesto. Tavoli che, sottolinea il Movimento 5 Stelle, hanno recepito “moltissime nostre istanze”, tra cui la tutela della legalità – con l’istituzione di una commissione consiliare antimafia e anticorruzione e la riduzione dei compensi del sindaco e della giunta ai minimi previsti per legge -, dell’ambiente, delle fragilità – come l’istituzione della figura del disability manager e l’abbattimento delle barriere architettoniche e un deciso cambio di rotta sulla tutela del diritto alla casa -, della partecipazione e della coprogettazione con l’istituzione delle consulte di quartiere e del piano regolatore partecipato.

Due mondi diversi, chiosa Coccetti: “Noi, con Roberto Di Stefano Sindaco, rappresentiamo il nuovo, fatto di pragmatismo, promesse mantenute, capacità di attrarre risorse sul territorio e progetti di rilievo internazionale; loro invece rappresentano il vecchio, un modo di fare politica superato, dove pur di ottenere una poltrona in più sono disposti anche a chiudere entrambi gli occhi e tapparsi le orecchie. Ecco la differenza principale tra chi tiene prima di tutto al bene della città e chi invece la usa per interessi meramente personali”.

E chiude aprendo le porte agli elettori pentastellati delusi: “Chi ha votato il Movimento 5 stelle lo ha sempre fatto con l’auspicio di cambiare la vecchia politica, proprio il contrario di ciò che propone oggi la coalizione di Foggetta che per di più li attacca. Noi siamo pronti ad accogliere quegli elettori traditi e siamo dispiaciuti per il trattamento che hanno ricevuto dal loro candidato sindaco”.

 

 

ARTICOLI CORRELATI