Mer. 01 Feb. 2023
HomeBreaking NewsMilano: “Stiamo lottando per l’Ucraina, per il popolo ucraino, per i bambini...

Milano: “Stiamo lottando per l’Ucraina, per il popolo ucraino, per i bambini ucraini” (GUARDA LE IMMAGINI)

Migliaia di persone sono scese ieri in piazza per manifestare contro l’invasione russa in Ucraina. La rabbia, gli slogan, i canti patriottici e le lacrime. Le voci degli ucraini che vivono in Italia

Milano ieri, sabato 26 febbraio, è scesa in piazza per protestare contro l’invasione russa in Ucraina. Un lunghissimo serpentone di persone per dire basta alla guerra, per gridare stop a Putin. In migliaia  si sono radunati in Largo Cairoli a Milano per muoversi lungo le vie del centro e approdare in piazza Duomo.

La mobilitazione è stata organizzata da collettivi studenteschi, centri sociali, sindacati di base, con il sostegno tra gli altri di Arci, Sentinelli di Milano, Fridays for Future, circoli Anpi, Rifondazione comunista e Sinistra italiana.

Una lunga bandiera della pace. Poi un lunghissimo serpentone di persone. Tutte in piazza per dire “basta” alla guerra e all’invasione russa in Ucraina.

Intorno alle 15:45 il corteo ha mosso i primi passi. In testa c’erano gli esponenti dei centri sociali con slogan contro Putin e la Nato; più indietro altri manifestanti. Hanno partecipato alla manifestazione anche centinaia di cittadini ucraini con grandi bandiere del proprio paese e megafoni con i quali hanno scandito slogan e cantato canzoni patriottiche.

Presenti anche molti cittadini comuni che si sono uniti alla protesta.

Slogan duri contro Putin, l’orgoglio dei canti ucraini, anche un misto di gioia e di commozione per sentirsi vicini e solidali in questo sabato soleggiato preludio di primavera. Ci sono alcuni giovani che frequentano l’Università a Milano, le donne che lavorano da anni in Italia, gli amici italiani, la gente comune che assiste e applaude dal marciapiede. Mentre sfila il serpentone due ragazzine dal profilo orientale non riescono a trattenere le lacrime.

Julia: “Il popolo ucraino non sarà mai sconfitto”

Julia è Ucraina, originaria di Leopoli, vive e studia in Italia, a Milano: tutta la mia famiglia è a Leopoli. La situazione per noi è durissima perché nessuno si aspettava che la Russia sarebbe intervenuta nel nostro territorio. Con i miei mi sento ogni due ore, per ora i russi non sono ancora arrivati a Leopoli. Il popolo ucraino non sarà mai sconfitto perché lottiamo sempre sino all’ultimo e ce la possiamo fare anche stavolta. Io credo nelle forze armate ucraine” .

Chiedo a Julia. Siete patriottici, nazionalisti? “Io direi che stiamo lottando per l’Ucraina, per il popolo ucraino, per i bambini ucraini”.

Angelo De Lorenzi

ARTICOLI CORRELATI