Gio. 19 Mag. 2022
HomeAttualitàCinisello Balsamo, riqualificazione immobile viale Friuli: approvato accordo di programma con Aler

Cinisello Balsamo, riqualificazione immobile viale Friuli: approvato accordo di programma con Aler

Previsto un intervento dell’immobile SAP (Servizi Abitativi Pubblici), di proprietà INPS e gestito da Aler Milano, che conta 135 alloggi

Il progetto di riqualificazione urbana denominato Entangled per ridare nuova vita allo storico caseggiato di viale Friuli 3, nel quartiere Crocetta, comincia a muovere i primi passi. È stato infatti approvato in Giunta lo Schema di “Accordo di Programma” con Aler Milano per l’attuazione dell’intervento di riqualificazione dell’immobile SAP (Servizi Abitativi Pubblici), di proprietà INPS e gestito da Aler Milano, che conta 135 alloggi.

Un accordo che definisce le azioni e i reciproci impegni necessari alla realizzazione dell’opera. Aler Milano dovrà assumersi l’onere di raggiungere con INPS, attuale proprietario, una reciproca intesa per il pieno e continuativo utilizzo dell’immobile come SAP; divenire soggetto attuatore dell’intervento di riqualificazione dello stabile e rispettare le tempistiche definite con Regione Lombardia oltre all’impegno di inviare formale comunicazione dell’accordo raggiunto entro il 15 febbraio 2022.

“Stiamo lavorando incessantemente per realizzare tutte le azioni del progetto Entangled che rilancia la stagione della riqualificazione urbana in una chiave nuova e più sostenibile – spiega il sindaco Giacomo Ghilardi -. In partenariato con Aler Milano sarà realizzato un intervento di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico dell’immobile. Un intervento non solo edilizio ma che prevede anche azioni sociali tese a sollecitare l’avvio di processi di coesione e a promuovere percorsi di partecipazione degli inquilini ad attività finalizzate al miglioramento della vivibilità nel proprio caseggiato e nel quartiere”.

Il progetto era stato presentato dal Comune di Cinisello Balsamo la scorsa primavera al Bando regionale sulla rigenerazione urbana, ottenendo il primo posto in graduatoria, su diciassette città lombarde partecipanti, di cui undici capoluoghi, e così un contributo di 15 milioni di euro per la progettazione e realizzazione dell’intervento. Ad ottobre del 2021 si era poi proceduto alla firma del protocollo d’Intesa con Regione Lombardia nel quale sono stati definiti il cronoprogramma e i contenuti veri e propri del piano preliminare di sviluppo urbano sostenibile integrato.

 

ARTICOLI CORRELATI