Ven. 03 Dic. 2021
HomeAppuntamentiCinisello Balsamo, i volontari Aido in piazza Gramsci per promuovere la cultura...

Cinisello Balsamo, i volontari Aido in piazza Gramsci per promuovere la cultura della donazione organi

In piazza per promuovere la cultura della donazione di organi, tessuti e cellule

I volontari Aido di Cinisello Balsamo saranno presenti in piazza Gramsci questo week end, sabato 9 e domenica 10 ottobre, per promuovere la cultura della donazione di organi, tessuti e cellule, un’iniziativa patrocinata dal Comune di Cinisello Balsamo che da tempo promuove la campagna “Donare gli organi: una scelta in comune”. Dalle ore 9 alle 19 ci sarà un banchetto informativo per la raccolta delle dichiarazioni di volontà da parte dei cittadini interessati. A sostegno dell’associazione verrà proposta a offerta libera una confezione di cioccolatini assortiti di Cuneo.

La decisione di diventare donatore di organi è semplice: si può prendere in comune al momento del rinnovo della carta di identità. I cittadini maggiorenni che si presenteranno al Punto in Comune, lo sportello polifunzionale di via XXV Aprile, per rinnovare il loro documento di identità, potranno esprimere il loro consenso alla donazione di organi e far registrare la propria volontà al registro nazionale, presso l’Istituto Superiore di Sanità.
Il consenso alla donazione non verrà riportato sulla carta di identità ma su un apposito modulo che poi verrà registrato sul Sistema Informatico dei Trapianti consultato in caso di bisogno. In qualsiasi momento è possibile cambiare la propria decisione, presso gli uffici dell’ASL.

“Questa opportunità facilita e rende più comodo per i cittadini l’espressione di volontà. È sempre importante stimolare l’attenzione su questo tema così delicato e fare emergere lo spirito di solidarietà e di generosità”, ha dichiarato l’assessore al Terzo Settore Riccardo Visentin.

In Italia, senza esplicita manifestazione di volontà in vita, adeguatamente documentata – sia essa favorevole o contraria -, la decisione sulla donazione dopo la morte è affidata ai familiari. Oggi sono ancora troppi coloro che dichiarano di non voler scegliere. Il trapianto di organi è la migliore cura disponibile in molte malattie, spesso salvavita, come per esempio nel caso del polmone, del cuore, del fegato, ma ugualmente importantissima come il trapianto di rene per i pazienti in dialisi. In Italia i pazienti in lista d’attesa sono quasi 8.000.

ARTICOLI CORRELATI