Ven. 03 Dic. 2021
HomeAttualitàCormano, PNRR: tra i progetti un polo sanitario per la comunità

Cormano, PNRR: tra i progetti un polo sanitario per la comunità

Approvato importante ordine del giorno che impegna a proseguire nel lavoro di coordinamento relativo alla prevista realizzazione di strutture sanitarie di prossimità

Approvato dal Consiglio comunale l’ordine del giorno presentato dai consiglieri di maggioranza, che impegna la Giunta a proseguire nel lavoro di coordinamento relativo alla prevista realizzazione di strutture sanitarie di prossimità, definite nelle linee-guida ministeriali e regionali come Case di Comunità (CdC) e Ospedali di Comunità (OdC).
Un lavoro che per la Giunta cormanese era già iniziato a luglio quando Regione Lombardia aveva recepito la Missione 6 del PNRR destinando ulteriori fondi in aggiunta a quelli stanziati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per la realizzazione e lo sviluppo di Case ed Ospedali di Comunità.

Nei primi giorni di settembre, poi, il consiglio di rappresentanza dei sindaci e presidenti delle assemblee distrettuali di ATS Città Metropolitana aveva discusso e condiviso un documento che riassumeva le linee di progetto per l’attuazione di Case e Ospedali di Comunità nel territorio dell’ATS e nello specifico declinate per ogni ASST: in questo documento erano già presenti le proposte di ATS individuate sui singoli Comuni per dare compimento a quanto indicato nel PNRR. La Giunta regionale, nel frattempo, ha approvato il progetto predisposto da ATS Città Metropolitana programmando anche 700 milioni di euro di risorse per potenziare le strutture territoriali. Di questi oltre 140 erano già stati stanziati con delibere di Giunta nei mesi di luglio e agosto: in particolare per ATS Milano si parla di 100 milioni di euro.

In particolare, per il territorio nordmilanese, considerando la situazione esistente con presidi ospedalieri esistenti e attivi a Cologno Monzese, Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni, la proposta per ASST Nord Milano prevede la realizzazione di Case di Comunità in tutti i comuni di ambito e in particolare per Cormano il progetto prevede di realizzare un Ospedale di Comunità: una struttura di ricovero breve destinata a pazienti a bassa intensità clinica e assistenza sanitaria continuativa, completata dalle funzioni delle Case di Comunità che comprendono area prelievi e vaccinazioni, aree di cura primaria e continuità assistenziale, ambulatori specialistici nonché le funzioni di prevenzione e promozione della salute e l’area servizi sociali del Comune.

L’amministrazione cormanese si è immediatamente mossa per individuare sul territorio comunale una serie di aree adeguate alla realizzazione del progetto, sottoponendole ad ATS per la necessaria valutazione: i criteri relativi alla superficie, all’accessibilità, alla posizione strategica rispetto al tessuto urbano hanno consentito di individuare diverse possibili soluzioni per il collocamento della nuova struttura.

Infine, il 17 settembre un nuovo incontro a livello distrettuale che ha coinvolto ATS Città Metropolitana, ASST Nord Milano e i comuni dell’ambito ha permesso di entrare ancor più nel dettaglio di quelli che sono i progetti relativi ai territori dell’area nordmilanese ed in particolare al comune di Cormano, rappresentando di fatto il primo step operativo rispetto al progetto che apre prospettive davvero importanti per il territorio. “La piena adesione alla proposta che abbiamo concretizzato nell’attivazione immediata di tutte le risorse comunali necessarie ad ottenere il massimo risultato e beneficio per la comunità sono in piena aderenza al nostro programma elettorale” spiega il sindaco Magistro. “Già ci eravamo mossi per dare compimento all’obiettivo di rilanciare e potenziare un polo sanitario di comunità, e diversi passi erano già stati compiuti: in questo senso la cessione dei locali del Punto Salute in ottica di ottimizzazione e rivitalizzazione della struttura e le proposte già piuttosto avanzate dal punto di vista progettuale sull’acquisizione della ex Stazione FNM erano in totale sintonia con i nostri obiettivi. A maggior ragione questo sviluppo originato dalle risorse del PNRR ci trova già al lavoro, con una serie di valutazioni pronte da tempo e messe a disposizione di ATS non appena è stato possibile.
Ci siamo fatti trovare pronti e abbiamo quindi colto l’opportunità, proseguiremo con il lavoro iniziato affinché le proposte di ATS per realizzare i nuovi presidi sanitari – le Case di Comunità – in tutti i comuni del nostro ambito trovino compimento con il conseguimento del miglior risultato per noi possibile, ovvero la costruzione di un Ospedale di Comunità proprio a Cormano”.

 

 

ARTICOLI CORRELATI