Mar. 28 Set. 2021
HomeIn evidenzaSalute, tumore al pancreas: un SMS può cambiare la sua storia

Salute, tumore al pancreas: un SMS può cambiare la sua storia

In corso la campagna con numero solidale 45592 di Fondazione Humanitas per la Ricerca: diagnosi precoce e terapie mirate sono la priorità per sconfiggere questa patologia.

Di cancro si muore sempre meno. Grazie ai progressi nella prevenzione e nelle cure, infatti, per molte forme di tumore, come quello alla mammella e al colon-retto, la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è, rispettivamente, del 91% e 66%. Così non è invece per il tumore al pancreas per cui questo dato arriva solo al 10%, rendendolo uno dei big killer più temuti. Si ritiene che entro il 2030 diventerà la seconda causa di morte per tumore nei Paesi occidentali.

Sin qui, purtroppo, sono stati scarsi i progressi compiuti nella diagnosi precoce di questo tumore particolarmente aggressivo, per il quale i trattamenti farmacologici disponibili sono poco efficaci. L’unica arma a disposizione è la ricerca.

La ricerca per affrontare il tumore al pancreas

Per affrontare la sfida e provare a cambiare la storia di questa patologia, Fondazione Humanitas per la Ricerca lancia una campagna di raccolta fondi a sostegno degli studi condotti dall’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, tra i principali centri di riferimento per il trattamento del tumore al pancreas nel nostro Paese. Sino al 19 aprile 2021 inviando un SMS al 45592, o telefonando allo stesso numero da rete fissa, è possibile dare il proprio contributo (2 o 5 o 10 euro) per sostenere la lotta a questa patologia.

Nello specifico i fondi raccolti contribuiranno a finanziare uno studio che mira a comprendere come contrastare l’aggressività del cancro al pancreas agendo sulle cellule del sistema immunitario, abbondantemente presenti nella massa tumorale pancreatica.

Sotto la guida del prof. Alberto Mantovani, Direttore Scientifico dell’Istituto e Presidente di Fondazione Humanitas per la Ricerca, gli studi Humanitas hanno già dato un contributo fondamentale, riconosciuto a livello internazionale, alla comprensione del ruolo giocato dalle cellule del sistema immunitario nella crescita tumorale. Queste, anziché difendere l’organismo come dovrebbero, si fanno “corrompere” dal tumore e contribuiscono alla sua crescita e disseminazione metastatica. Il progetto di ricerca mira a comprendere come impedire questo fenomeno, per aprire nuove vie per la diagnosi precoce e arrivare finalmente a una terapia mirata per questa forma di cancro, per cui oggi la medicina non ha ancora armi abbastanza efficaci.

Cambiare la storia del carcinoma del pancreas è possibile – afferma il prof. Alessandro Zerbi, Responsabile Chirurgia del Pancreas Humanitas e docente Humanitas University – ma per farlo è fondamentale conoscere a fondo il nostro nemico. Abbiamo accettato la sfida che questa malattia ci pone per contrastarne l’aggressività e arrivare a ottenere diagnosi precoci e terapie sempre più efficaci”.

Il numero solidale 45592

Sino al  19 aprile 2021 numero solidale 45592

Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, Iliad, PosteMobile, Coop Voce, Tiscali.

Sarà di 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile e di 5 e 10 euro da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali.

 

Fondazione Humanitas per la Ricerca

Fondazione Humanitas per la Ricerca è un ente non-profit impegnato nello studio e nella cura di malattie come tumori, infarto, ictus, patologie autoimmuni, neurologiche e osteoarticolari.

Nella sua dimensione internazionale, contribuisce a formare giovani ricercatori provenienti da tutto il mondo.

Gli studi, realizzati in stretta collaborazione con l’ospedale Humanitas di Rozzano e con tutte le altre strutture del Gruppo Humanitas, sono finalizzati a trasferire in tempi brevi al letto del paziente i risultati della ricerca stessa, grazie allo scambio continuo di informazioni fra laboratorio e attività clinica.

Fondazione Humanitas sostiene oltre 300 ricercatori che insieme ai 600 medici degli ospedali sono alla continua ricerca di nuove cure e utilizzano tecnologie avanzate che vanno dalla genetica all’imaging molecolare.

ARTICOLI CORRELATI