Lun. 05 Dic. 2022
HomeAttualitàNord Milano, Coronavirus: da Regione Lombardia qualche chiarimento sull'ordinanza

Nord Milano, Coronavirus: da Regione Lombardia qualche chiarimento sull’ordinanza

[textmarker color=”E63631″] NORD MILANO -[/textmarker] Nel clima di confusione da emergenza Coronavirus, una circolare interpretativa di Regione Lombardia cerca di fare chiarezza su alcune delle misure adottate per arginare l’epidemia sul territorio.

Maglie più larghe per “i bar e/o pub che prevedono la somministrazione assistita di alimenti e bevande possono rimanere aperti come i ristoranti, a condizione che sia rispettato il vincolo del numero massimo di coperti previsto dall’esercizio”. A chiarirlo una FAQ pubblicata sul sito della Regione, ricordando che “l’obiettivo che regola le prescrizioni per il contenimento del Coronavirus nelle aree regionali classificate come “gialle” (ovvero valide su tutto il territorio regionale ad eccezione della “zona rossa”) è quello di limitare le situazioni di affollamento di più persone in un unico luogo. L’amministrazione sulla base delle valutazioni di ogni specifica situazione può dettagliare ulteriormente l’ordinanza in coerenza con l’obiettivo”.

In sostanza i bar e/o pub dove ci sono posti a sedere contingentati e che effettuano il servizio al tavolo – e non al bancone – potranno rimanere aperti oltre le 18, seguendo le stesse disposizioni previste per i ristoranti.

 

Inoltre Regione Lombardia, recependo il decreto del Presidente del Consiglio del 25/02/2020, rende noto che sarà possibile lo svolgimento di allenamenti, eventi e gare a porte chiuse di atleti iscritti a federazioni o enti affiliati al C.O.N.I.. Ogni società o associazione sportiva potrà decidere se ricominciare le attività a porte chiuse, fermo restando il diritto degli atleti o dei genitori dell’atleta, se minorenne, di prendervi parte.

CHE COSA FANNO I COMUNI DEL NORD MILANO

Anche i Sindaci dei Comuni nord milanesi dalle proprie pagine Facebook ricapitolano le indicazioni principali, in attesa di ulteriori sviluppi per la prossima settimana. A Sesto San Giovanni Roberto di Stefano ha precisato le disposizioni per i centri commerciali che “restano chiusi il sabato e la domenica, ma i ristoranti, i supermercati e i bar al loro interno possono restare sempre aperti”.

Da Cinisello Balsamo, Giacomo Ghilardi segnala la conclusione dei lavori di montaggio dei nuovi vetri agli sportelli del Polifunzionale, perciò uffici aperti da oggi. Prevista lunedì, invece, la riapertura degli uffici Tributi e Servizi Sociali – presso il Polifunzionale – con giorni e orari in via di aggiornamento.

Da Cormano il Sindaco Luigi Magistro rende noto che, in accordo con le società sportive, le attività sono sospese fino a domenica 1 marzo, per quanto riguarda i mercati precisa che quello del venerdì in via Europa si svolgerà regolarmente, mentre quello di sabato a Ospitaletto vedrà solo i banchi alimentari, come previsto dall’ordinanza. Il mercatino dell’usato di via Europa è sospeso e, per il centro commerciale di Molinazzo, specifica che resterà aperto il solo supermercato nelle giornate di sabato e domenica, chiusi invece i negozi della galler

Da Cologno Monzese arriva invece un warning dal Sindaco Angelo Rocchi circa un documento che sta circolando da ieri sui social e in numerose chat, spacciato come proveniente dall’Ufficio Scolastico Regionale. I contenuti riportano una possibile chiusura delle scuole fino all’8 marzo, ma “ad ora non si hanno informazioni in questo senso e, pertanto, si invita tutta la cittadinanza ad attendere informazioni pubblicate sui canali di comunicazione ufficiali”.

Da Bresso, l’invito è a tenersi costantemente informati sui canali istituzionali “in quanto le comunicazioni possono modificarsi a seguito di nuove indicazioni del Governo, degli Uffici Territoriali del Governo e di Regione Lombardia”. Da Paderno Dugnano la precisazione sul trasporto pubblico locale che fino al 1 marzo seguirà l’orario estivo a causa della chiusura delle scuole.

Il sito del Comune di Cusano Milanino, riepilogando tutte le misure attive all’interno del territorio, ricorda il servizio di consegna a domicilio dei farmaci, attivato dall’Azienda Speciale Farmacia Comunale, telefonando al numero 02/6192042.

ARTICOLI CORRELATI