Mer. 22 Mag. 2024
HomeAttualitàSesto San Giovanni, arrestato spacciatore fuori da una scuola superiore della città

Sesto San Giovanni, arrestato spacciatore fuori da una scuola superiore della città

[textmarker color=”E63631″] SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] Ancora droga all’esterno delle scuole cittadine, questa volta a finire in manette è stato uno spacciatore 19enne, arrestato dagli agenti del Nucleo Operativo della Polizia Locale insieme al Nucleo Mobile della Guardia di Finanza di Sesto San Giovanni, nell’ambito del progetto “Scuole Sicure”, mentre era intento a cedere sostanze stupefacenti ad alcuni studenti di un Istituto Superiore della città.

Secondo quanto emerso nelle fasi di monitoraggio investigativo eseguite degli inquirenti, il giovane si era ben organizzato per gestire la sua “attività” di spaccio, creando una sorta di location ricavata all’interno del dehor di un bar nelle vicinanze dell’Istituto. Quel luogo fungeva da “show room” per mostrare la merce ai clienti che potevano acquistarla e contemporaneamente consumarla indisturbati.

Gli agenti hanno appurato che la maggior parte della clientela del giovane spacciatore era costituita da studenti dell’Istituto Superiore limitrofo, che arrivavano a scuola in largo anticipo rispetto alle lezioni per poter comprare e consumare la droga, soprattutto hashish, prima del regolare inizio dell’attività didattica quotidiana.

Nelle immediate disponibilità del ragazzo arrestato, residente nel lecchese, oltre ad un quantitativo di hashish, gli agenti hanno rinvenuto anche gli strumenti per confezionare le sostanze stupefacenti, un bilancino ed altri dispositivi. Un altro quantitativo di droga è stato poi ritrovato presso il suo domicilio, nascosto all’interno del suo computer e pronto per essere confezionato. Per lui ora gli arresti domiciliari in attesa del processo per direttissima.

“Ringrazio i nostri agenti di Polizia Locale sempre attivi sul territorio pr contrastare l’illegalità – ha commentato il Sindaco Roberto Di Stefano – il progetto “Scuole Sicure” cui abbiamo aderito si dimostra sempre più importante per tutelare i nostri ragazzi”.

Di pochi giorni fa la notizia della denuncia a piede libero per un altro giovane spacciatore, già noto alle Forze dell’Ordine a causa di piccoli precedenti penali. In questo caso il 20enne aveva adibito a centrale di spaccio – sorvegliata da un pitbull maschio adulto – un appartamento ubicato in uno dei comprensori di case di proprietà del Comune. Grazie all’ausilio dell’Unità Cinofila della Guardia di Finanza, gli agenti hanno sequestrato circa 80 gr di hashish rinvenuti all’interno dell’abitazione.

ARTICOLI CORRELATI