Lun. 29 Nov. 2021
HomeCinisello BalsamoCinisello, Parco Nord: soffitti a rischio crollo. E c'è un clochard che...

Cinisello, Parco Nord: soffitti a rischio crollo. E c’è un clochard che vive a scuola

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Vetri rotti, soffitti a rischio crollo per colpa delle infiltrazioni d’acqua. E c’è persino un clochard che ha trovato casa nel seminterrato e utilizza bagni e docce delle palestre. A pochi giorni dall’inizio delle lezioni è questa la situazione del complesso scolastico del Parco Nord, a Cinisello Balsamo.

Un senza tetto è riuscito, forzando alcune porte e finestre, a ricavare un piccolo alloggio di fortuna in un locale sotto la ex mensa del maxi istituto di via Gorki, uno dei più grandi d’Europa. Nonostante le segnalazioni, anche alle forze dell’ordine, la situazione resta tale da mesi. “E’ capitato che qualcuno lo avvistasse nei bagni delle palestre. Gli è stato detto di allontanarsi, abbiamo anche avvisato le forze dell’ordine. Ma la situazione resta questa””, riferiscono gli operatori scolastici.

E poi ci sono i problemi strutturali: ai vetri rotti e alle porte malfunzionanti si aggiungono i guasti agli ascensori e i soffitti che sono a rischio crollo. Nell’area comune ai tre istituti ospitati nel plesso (Casiraghi, Cartesio e Montale), le infiltrazioni d’acqua hanno distrutto i panelli del controsoffitto ma anche intaccati i mattoni della soletta che si stanno a poco a poco sgretolando. Con il rischio che da un momento all’altro possano cadere in testa a studenti, docenti o operatori. Per questo un’intera zona davanti all’Auditorium è stata transennata e messa in sicurezza, in attesa degli interventi di manutenzione.

Che scarseggiano. La struttura è passata di mano dalla Provincia alla Città Metropolitana ma mancano i fondi per le opere: “Non si tratta di inerzia o incuria. Alcuni interventi vengono svolti quotidianamente. Per quelli più massicci dobbiamo attendere risorse dalla Regione”, dicono da Palazzo Isimbardi. La prima campanella dell’anno è “dietro l’angolo”: al Casiraghi, il liceo classico, scientifico e linguistico (che quest’anno sarà formato da ben 59 classi), suonerà lunedì 10. “Ho fatto in tempo a veder fiorire il Parco da una landa desolata, grazie all’accorta negoziazione di interessi diversi. Ora il rischio che l’incuria prenda il sopravvento è alto: soffitti sconnessi, infiltrazioni, vetri rotti, effrazioni e disordine. La politica sembra in questo momento trovare nella sicurezza la parola d’ordine, io, da donna di scuola , chiedo che formazione e cultura possano trovare nel decoro e nella bellezza il proprio naturale contesto. Questo chiedo a gran voce agli Amministratori”, le parole della nuova dirigente (reggente) del Casiraghi, Mariagrazia Fornaroli, tornata al liceo del Parco Nord in qualità di preside dopo oltre 30 anni di insegnamento.

ARTICOLI CORRELATI