Mer. 08 Feb. 2023
HomeCormanoCormano, il padre voleva chiudere la ditta. Lui lo uccide e si...

Cormano, il padre voleva chiudere la ditta. Lui lo uccide e si toglie la vita

[textmarker color=”E63631″]CORMANO[/textmarker] – E’ stato un duplice omicidio-suicidio la tragedia che si è consumata lunedì sera a Cormano per mano di Maurizio P., negli uffici dell’azienda di famiglia, la “Nuova Seri Cart” di via Zara. N

e sono convinti i carabinieri di Sesto San Giovanni e di Monza che hanno lavorato ininterrottamente tutta la notte per ricostruire la dinamica: verosimilmente il 43enne avrebbe sparato prima al padre, il 64enne Romano P., residente a Cinisello Balsamo, che si trovava dietro alla scrivania del suo ufficio, e poi alla compagna, la 54enne Anita S. di Novate Milanese, che era nell’ufficio accanto. Poi, in corridoio, ha appoggiato la canna del suo revolver alla tempia e ha premuto il grilletto.

A trovare i cadaveri, intorno alle 23 di ieri, è stato l’altro figlio, 32enne, insieme con la nuora, che sono andati in ditta preoccupati perché non avevano più loro notizie. A scatenare la furia omicida di Maurizio potrebbe essere stata la decisione di chiudere l’azienda di stampa digitale professionale presa dal padre, che aveva già licenziato i figli che sembra fossero dei semplici dipendenti della Srl interamente di proprietà del padre e della compagna. Per questo tra il 43enne e il genitore ci sarebbero già stati diversi scontri, ed è probabile che l’ennesima lite possa essere scoppiata anche ieri prima del tragico epilogo.

ARTICOLI CORRELATI