Sab. 27 Nov. 2021
HomeCronacaOmicidio Sesto. Di Stefano: "Plauso alle forze dell'ordine". D'Amico: "Più telecamere"

Omicidio Sesto. Di Stefano: “Plauso alle forze dell’ordine”. D’Amico: “Più telecamere”

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – “Un enorme ringraziamento a polizia di Stato e carabinieri che in pochissime ore hanno risolto il caso dell’omicidio in Via Carlo Marx”. Il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, ha usato queste parole per commentare la risoluzione del delitto di Cascina Gatti e ringraziare le forze dell’ordine.

“E’ l’ennesima dimostrazione di grandissima conoscenza del territorio e professionalità delle forze dell’ordine. Ringrazio a nome di tutta la città per questa operazione congiunta, siamo orgogliosi di chi ci difende ogni giorno. Nonostante il calo di reati con un -17%  a Sesto San Giovanni nel periodo gennaio-aprile 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017 mi sento lo stesso di ribadire la mia richiesta di avere più uomini delle forze dell’ordine in città e quindi riproporrò la questione in Prefettura e Questura. Il numero di uomini in divisa non è adeguato a una città di oltre 80.000 abitanti come Sesto San Giovanni”, ha aggiunto Di Stefano.

L’assessore alla Sicurezza, Claudio D’Amico, ha invece parlato dell’importanza delle telecamere, dato che sono state fondamentali per rintracciare la persona che aveva commesso l’omicidio. “Ce ne sono in città ma ne vogliamo ancora per monitorare ogni area e ogni varco: sono un deterrente contro i crimini, i malviventi devono sapere che non restano impuniti ma che invece le telecamere aiutano le forze dell’ordine a rintracciarli”.

Il progetto di implementazione del sistema di videosorveglianza sestese è stato approvato dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza. “Ora presenteremo la richiesta di finanziamento al Ministero e ci auguriamo di ricevere i fondi. Serve 1 milione di euro. Se dovesse essere finanziato in toto possiamo pensare che a fine 2019 tutta la città di Sesto sarà videosorvegliata. E quindi più sicura”, chiude D’Amico.

ARTICOLI CORRELATI